eSport | Campionato Italiano GT4 ACI ESport: intervista a BPER Banca, partner dell’evento

Alessandro Secchi - 14 Settembre 2022 - 14:00

BPER Banca è il primo Partner a parlarci del campionato che inizierà tra poco

Tra poche settimane il via al Campionato Italiano GT4 ACI Esport. P300.it intervista i partner dell’evento e, in questa prima chiacchierata, vi riporta le parole di BPER Banca

Com’è nata la collaborazione con DrivingItalia e con il campionato ACI ESport?

“Bper Banca è da sempre impegnata nel sostegno di numerose realtà sportive e considera lo sport un ambito di sviluppo e di forte integrazione sociale. In particolare, lo sport offerto in una forma innovativa rappresenta un’occasione di crescita importante e offre al pubblico la possibilità di cimentarsi in ambienti nuovi.

Prendendo spunto dal Campionato ACI ESport, BPER Banca propone i propri prodotti e servizi e sostiene la comunicazione del Campionato Italiano GTE ACI ESport affiancando gli organizzatori nello sviluppo dell’evento”.

Quali sono i punti di forza di questo evento che vi hanno convinti a entrare in questo mondo?

“Gli sport “simulati” sono diffusi ormai da tempo e durante il periodo pandemico hanno favorito la possibilità di sviluppare contatti e relazioni a distanza. Hanno insiti nella loro natura innovazione e tecnologia, che sono ambiti coerenti con il programma integrato di evoluzione di BPER Banca e della sua struttura commerciale, tecnologica e della digitalizzazione dei processi.

BPER sta inoltre realizzando nuove iniziative focalizzate principalmente a rendere il cliente protagonista di un modello di business in cui esperienza digitale e fisica sono interconnesse, grazie all’offerta di servizi innovativi e di qualità. L’esperienza che si vive durante il Campionato ACI ESport e DrivingItalia è coerente con questo sviluppo e tocca con mano valori importanti, come ad esempio la tenacia, il sacrificio, l’impegno volto a raggiungere i risultati, che fanno parte del nostro DNA e che connotano le persone e le loro passioni”.

Schierate in pista anche numerosi piloti con i colori del team BPER Banca, fra le cui fila sono presenti anche delle donne. Quali le ragioni di questo modo di partecipare “attivo”?

“Tra i nostri dipendenti ci sono anche appassionati talentuosi, che abbiamo voluto coinvolgere attraverso un invito interno all’azienda. Il riscontro è stato positivo e questo ha alimentato gli entusiasmi: abbiamo quindi un team composto da 8 persone, di cui la metà sono dipendenti BPER.

Da sottolineare che abbiamo riscontrato un forte interesse a voler partecipare anche da parte del pubblico femminile. Per favorire l’inclusione, per un’azienda non è però sufficiente definire e sostenere politiche di Diversity & Inclusion, ma è necessario l’impegno e la messa in discussione di tutti, analizzando il proprio modo di agire, pensare e relazionarsi con gli altri all’interno della società.

Il mondo degli e-sport, e in particolare del Simracing, non è esente da una prevalente presenza maschile, ma questo non significa che non ci siano donne appassionate e tanto meno capaci di cimentarsi in questo ambito. BPER Banca, anche in questo caso, ha voluto dar spazio e voce nel sostenere un processo naturale di sviluppo e di inclusione con l’obiettivo di far passare la presenza delle donne non più come un eccezione”.