È sempre Alonso, ma un altro Fernando

Durante le interviste post gara di Budapest Esteban Ocon ha raccontato come in tanti gli avessero prospettato un’esperienza infernale con a fianco un due volte campione come Alonso. “Mi dicevano che era uno che voleva massacrare i compagni e cose così, ma non è vero niente”. Il francese ha quindi preso le difese di Fernando sottolineandone il ruolo di team player da quando è tornato per la sua terza esperienza in Renault, poi diventata Alpine.

Ora, non sono nessuno per non credere alle parole di Esteban e quanto successo ieri conferma in toto ciò che il francese, dopo la sua prima vittoria a Budapest, ha detto nei confronti del suo compagno. D’altronde parte della vittoria è merito dell’asturiano: con i giri da cineteca in cui ha ricordato a Hamilton che anche lui “non alza il piede”, ha di fatto stoppato la rimonta dell’inglese nelle zone alte della classifica, difendendo a distanza la fuga di Esteban verso la vittoria.

Mi permetto però una riflessione, data dall’età e dall’aver visto sin dagli esordi, ormai vent’anni fa (come passa il tempo), lo spagnolo. Alonso è sempre lui, almeno in pista. Arcigno, cattivo quando serve, concentrato. Ha faticato ad inizio stagione, un po’ come tutti i “nuovi” e nel suo caso dopo due anni di assenza, ma adesso il suo peso si sente. Però, a parità di “Alonso”, è un altro Fernando: parlo delle sensazioni che mi dà a livello umano. Quando Esteban taccia come balle il “voleva massacrare i compagni di squadra” ha probabilmente ragione per il Fernando del 2021, ma non per quello di quindici o dieci anni fa; che, quando un suo compagno si trovava per caso davanti a lui, si apriva via radio lamentandosi a suon di “ridicolous”. Era un Fernando votato all’io, egoista come tutti o forse di più, perché consapevole della sua forza, accecato dalla fame di vittoria e pronto a tutto pur di prendersela.

Ora Fernando è cresciuto, maturato. Quello del 2021 non si azzarda a dire mezza parola storta sul suo team in pubblico, mentre quello di soli pochi anni fa aveva ancora questo vizio; storico resterà il “GP2 engine” comunicato all’etere a Suzuka, casa della Honda durante la sciagurata seconda esperienza in McLaren.

Alonso è sempre qui, fa esultare gli olandesi in tribuna mentre Hamilton gli impazzisce alle spalle, ma non è più quel Fernando: quello del 2005 non so se avrebbe aspettato il suo compagno per complimentarsi con lui in questo modo per la vittoria. Questo è un team player vero, forse per la prima volta a quaranta primavere appena festeggiate.

E lo è anche grazie alla scelta, lungimirante, intelligente e decisiva, di spendere anni in un Motorsport diverso da quello egoista della Formula 1, condividendo auto e sensazioni con altri piloti, dovendosi imporre di lavorare con lo spirito del noi e non con quello dell’io. Le esperienze a Le Mans, nel WEC, alla Dakar, insomma tutto quello che lo spagnolo ha fatto negli ultimi anni fuori dalla Formula 1 ha contribuito a rendere più completo Alonso e più “umano”, rispettoso, collaborativo e team player Fernando.

È quasi un peccato che tutto questo arrivi solo ora, ma meglio tardi che mai. Sono contento per lui e di vederlo ancora in pista, forte nonostante l’età e così concentrato nell’aiutare il suo team a crescere. Più anziano, più consapevole, più completo. Ancora lo stesso Alonso ma, forse, il più bel Fernando di sempre.

Immagine: media Alpine

CANALI TEMATICI SU TELEGRAM

NEWSLETTER

P300 MAGAZINE

PARTNERS

GRUPPI AMICI

ULTIMI ARTICOLI

COMMENTA

  1. E’ uno dei piloti più forti di sempre. Resta il rammarico per non aver vinto almeno 1 titolo con la Ferrari, che sicuramente meritava. Fosse rimasto in rosso, credo che o nel 2017 o nel 2018 il titolo sarebbe arrivato. Come credo che del GP2 engine si sia pentito, dentro di lui.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ALTRI DALL'AUTORE

CANALI TEMATICI SU TELEGRAM