E se ci fosse la terza macchina in F1?!

CONDIVIDI

SEGUI P300.it

Telegram | Canale News

Telegram | Discussione

Google News

Twitter

Instagram

Ricordate la vecchia proposta di introdurre la terza macchina in f1? Utopistica, ma non sarebbe poi tanto male…

È da anni che l’idea della terza macchina torna ciclicamente a farsi sentire dentro e attorno al Paddock, ma forse mai come ora potrebbe risolvere un problema piloti che sta diventando preoccupante.

Con Perez che rischia di saltare e Hulkenberg usato come tappabuchi, l’introduzione della terza monoposto – regolamentata a dovere – darebbe spazio ai giovani piloti portando più macchine in pista e creando un po’ più di movimento.

È stata la gara di Russell a Sakhir a farmi tornare in mente questa idea, buttata lì più volte dal presidente Montezemolo e richiamata ogni tanto da questo o quel personaggio. Ovviamente si tratterebbe di un problema non da poco lato costi, ma visto che si parla di correre 23 gare e di simulatori da decine di milioni mi pare che di incongruenze ce ne siano già abbastanza.

Ora: immaginate che questa idea sia fattibile. Si potrebbe imporre un limite d’età massimo (che ne so, 25 anni) oppure (o in abbinamento) semplicemente dare la possibilità di guidare queste vetture a piloti rookie o con al massimo un anno d’esperienza.

Per limitare i costi si potrebbero imporre limiti più stringenti sulle componenti e, per dare “importanza” alle terze macchine creare anche una classifica rookie (per chi è al primo anno) da affiancare alla generale.

A questo punto (pensando all’età massima di 25 anni) Mercedes potrebbe tranquillamente mettere sulla sua terza macchina Russell insieme ad Hamilton e Bottas, mentre Red Bull potrebbe prendere Perez o Hulkenberg a fianco di Verstappen girando Albon sulla terza vettura. Aston Martin non avrebbe avuto bisogno di liberarsi di Perez, girando Stroll sulla terza macchina e prendendo Vettel a fianco del messicano. McLaren, che dall’anno prossimo rimonterà la PU Mercedes, potrebbe chiedere a Mercedes stessa di mettere in macchina Vandoorne insieme a Ricciardo, spostando Norris sulla terza vettura e così via.

Ferrari in F1 avrebbe molteplici opzioni: mettere Mick Schumacher sulla terza Rossa e Ilott sull’Alfa Romeo, ad esempio. Haas avrebbe potuto ricevere il contributo di Mazepin senza doversi liberare di Magnussen (che andrà invece a correre nell’IMSA) e mettendo Fittipaldi sulla terza vettura. AlphaTauri avrebbe già Tsunoda pronto da mettere in macchina con Gasly e Kvyat. Renault, che vedrà il ritorno di Alonso al fianco di Ocon, ha Zhou tra i giovani in rampa di lancio per la F1. Resterebbe Williams che, orfana di Russell, potrebbe affiancare a Latifi un guarito (spero presto) Romain Grosjean ed il giovane Aitken.

Ecco, è un giochino, però pensateci. Trenta macchine in F1, nessun problema di piloti buoni costretti a fermarsi, più movimento in pista. Non sarebbe così male, no?!

Immagini: Alessandro Secchi

ULTIMI ARTICOLI

MONOPOSTO by SAURO

Avatar of Alessandro Secchi
Alessandro Secchi
Classe 1983. Ragioniere sulla carta, informatico per necessità, blogger per anni ed ora giornalista pubblicista per passione. Una sedia, una tastiera e tre schermi sono il mio habitat naturale.
"Il mio Michael" è il mio libro su Schumi ma, soprattutto, il mio personale modo di dirgli "Grazie". #KeepFightingMichael, sempre!

ALTRI DALL'AUTORE