DTM | Spa 2022, gara-1: Olsen alla sua prima vittoria

di Alessandro Cellegato @megalomaxi92
10 Settembre 2022 - 15:30

Il rookie norvegese conquista il suo primo successo in DTM, il secondo stagionale per Porsche, precedendo sul traguardo il campione in carica Götz e l’altra 911 GT3 di Preining

A Spa-Francorchamps un altro nome si è inserito nella lista dei piloti vincitori in DTM ed è quello di Dennis Olsen. Il 26enne norvegese, al suo debutto quest’anno nell’ex campionato turismo tedesco, ha dominato in modo autoritario gara-1, ottenendo un successo ampiamente meritato e riuscendo a gestire l’arrembaggio finale del campione in carica Maximilian Götz. Olsen e la sua 911 GT3 del team SSR Performance, partiti dalla pole, non hanno mai perso nemmeno la leadership virtuale della corsa, segno di quanto il norvegese si sentisse a suo agio sullo storico tracciato belga, in una giornata caratterizzata da freddo e svariati scrosci di pioggia.

Grazie al trionfo odierno, Olsen regala alla Porsche il secondo successo stagionale dopo quello ottenuto al Norisring da Thomas Preining, oggi splendido terzo e chiaro segno di come la Casa di Stoccarda si sia trovata bene a Spa. Il giovane austriaco del team Bernhard, scattato accanto ad Olsen al via, ha dovuto lottare per riprendersi la sua posizione sul podio, soprattutto dopo uno spettacolare quanto pauroso drift fatto ad Eau Rouge pochi metri dopo la partenza. Una mossa straordinaria che ha fatto brillare gli occhi agli spettatori in tribuna, ma che poteva essere potenzialmente devastante per le sorti della sua gara.

Tra le due Porsche, come detto, ha chiuso un ottimo Maximilian Götz, che sta finalmente riuscendo ad imboccare una buona serie di risultati dopo un inizio di stagione molto complicato. Per il campione in carica del DTM è il primo podio del 2022, che arriva a distanza di quasi un anno dall’ultimo, quando vinse la gara-2 del Norisring che gli valse il titolo nella passata stagione. Per l’alfiere del team Winward e di casa Mercedes è stata una corsa dal sapore del riscatto, nonostante per pochi decimi non sia riuscito ad ottenere quella vittoria che gli manca da troppo tempo.

Quarto posto, invece, in rimonta per René Rast, unico dei piloti in lizza per il titolo a recuperare tanti preziosi punti al leader del campionato Sheldon van der Linde, che oggi ha chiuso solo dodicesimo e fuori dalla Top 10. Il tedesco dell’Audi del team ABT, nonostante la partenza in mezzo al gruppo, è stato bravo a districarsi tra gli avversari e a recuperare fino al quarto posto, visto che il passo di Preining era troppo veloce.

Qualche punto recuperato anche da Mirko Bortolotti, che ha chiuso ottavo grazie ai tanti sorpassi fatti negli ultimi giri di gara, sfruttando le qualità della sua Lamborghini Huracan GT3. Nonostante ciò, comunque, il vantaggio di van der Linde in campionato resta molto sostanzioso.

Decisamente meglio del fratellino ha fatto Kelvin, quinto al traguardo diero al compagno di squadra Rast e davanti all’altra Audi di Nico Müller. Dopo il terzetto di R8 LMS della Casa di Ingolstadt, il settimo posto è andato al buon Felipe Fraga, con la prima delle due Ferrari 488 GT3 di AF Corse, precedendo il già citato Bortolotti, la prima delle BMW di Marco Wittmann e l’altra Ferrari di Nick Cassidy.

Ben cinque i ritirati, tra cui i più importanti sono sicuramente Lucas Auer e Maro Engel, due piloti in piena lizza per la lotta al podio ma che hanno dovuto chiudere anzitempo la loro gara per delle forature. L’austriaco ha accusato un calo di pressione all’anteriore sinistra mentre era in lotta con Götz, mentre il tedesco è stato centrato sulla posteriore di sinistra da Ineichen durante un tentativo di sorpasso.

Domani, alle 10.05 il via delle qualifiche di gara-2, che scatterà, come sempre, alle 13.30.

Foto di copertina: Porsche Motorsport Twitter