DTM | René Rast torna nel 2022 con Audi e il team ABT

Dopo un anno dedicato solo alla Formula E, il tre volte campione del DTM fa il suo ritorno per mettersi in gioco anche nella nuova era GT3 dell’ex turismo tedesco

La frase perfetta per sintetizzare l’attuale rapporto tra René Rast e il DTM è sicuramente quella di Antonello Venditti in Amici Mai, “certi amori non finiscono, fanno dei giri immensi e poi ritornano”. Il pilota tedesco non ha mai dimenticato il campionato che lo ha consacrato a livello europeo, così come il DTM sarà sempre legato a Rast, non solo per i tre titoli vinti, ma anche perché resterà negli annali come l’ultimo campione dell’era delle Class One. Una volta vinto il titolo piloti nel 2020, il tedesco aveva annunciato il suo addio al DTM per concentrarsi esclusivamente alla Formula E, ma non ha mai chiuso del tutto la porta ad un possibile ritorno.

Dopo l’annuncio da parte di Audi di voler lasciare la Formula E come team ufficiale a fine 2021, per Rast è stato quasi automatico pensare di tornare in DTM ed il tutto è stato concretizzato nel fine settimana del Norisring. Attraverso un post condiviso ieri su Instagram, il pilota tedesco ha ufficialmente annunciato il suo ritorno in campionato nel 2022 e lo farà al volante dell’Audi R8 LMS del team ABT. Una mossa atta anche a coprire l’uscita di scena di un altro grande veterano del DTM, Mike Rockenfeller, che ieri ha concluso la sua ultima gara in campionato dopo quindici anni di carriera.

Per Rast sarà una sfida molto interessante, fatta apposta per potersi misurare con le nuove vetture GT3 e contro i nuovi piloti che si sono affacciati in DTM quest’anno. Di certo la sua intenzione è quella di voler lasciare un segno anche nell’era GT3 del campionato che lui ha già conquistato per tre volte e di cui, quest’anno, è stato commentatore tecnico per la tv tedesca Ran. Rast si è detto molto entusiasta ma anche realista per il suo ritorno, in quanto sarà più indietro rispetto agli altri nella confidenza con le GT3.

Mi sono divertito molto in DTM negli anni scorsi e sono pronto a tornare in pista nel 2022, perché ho pensato che voglio provare a tenere testa a tutti questi nuovi giovani piloti. Sicuramente non dominerò come nelle passate stagioni, poiché le vetture sono diverse rispetto alle vecchie Class One e chi ha corso quest’anno ha già molta più esperienza di me con le GT3. Il mio punto di riferimento in Audi sarà sicuramente Kelvin van der Linde e sarò felice quando riuscirò a raggiungere il suo livello. So che dovrò lavorare molto, ma so anche di poter dare ancora qualcosa al DTM.”

Immagine di copertina: DTM Twitter

CANALI TEMATICI SU TELEGRAM

NEWSLETTER

P300 MAGAZINE

PARTNERS

GRUPPI AMICI

ULTIMI ARTICOLI

COMMENTA

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ALTRI DALL'AUTORE

CANALI TEMATICI SU TELEGRAM