DTM | Prima vittoria per Götz nella Gara 2 del Lausitzring

Con il successo di Götz, quattro piloti diversi trionfano nelle prime quattro gare della nuova era GT3 del DTM: 2° Lawson, 3° uno sfortunato Kelvin van der Linde

Si poteva immaginare che l’introduzione delle vetture GT3 nel DTM avrebbe reso il campionato più interessante. Ma forse non così tanto. Infatti, con la Gara 2 di oggi al Lausitzring, sono quattro i piloti ad aver trionfato nelle prime quattro corse di questo 2021 del DTM. Quattro nomi del tutto nuovi nell’albo d’oro dell’ex turismo tedesco, anche se il vincitore di oggi è già conosciuto nell’ambiente. Infatti, il successo odierno in Gara 2 è di Maximilian Götz, che aveva corso nel DTM nelle stagioni 2015 e 2016 con Mercedes. E sempre con la Casa di Stoccarda ottiene, finalmente, la sua prima vittoria in carriera nel campionato tedesco.

DTM Gotz Lausitzring R2 2021
Fonte: Haupt Racing Team Twitter

Un successo importante per un pilota che aveva dominato in lungo e in largo i test pre-stagione e che è stato indicato come uno dei principali pretendenti al titolo. Sfortuna e BoP avevano minato il suo percorso nelle prime tre gare, in cui, comunque, ha racimolato l’ottimo podio iniziale a Monza. Ma il successo odierno dà grande morale a Götz e tutto il team Haupt di rilanciarsi nella lotta al campionato.

Chi sorprende, però, per costanza di risultati e di prestazioni è Liam Lawson. Il 19enne neozelandese della Ferrari, rookie in DTM, in Gara 2 bissa il secondo posto di ieri e ottiene il terzo podio in quattro gare. Nonostante l’esperienza con vetture di questo tipo sia minima, Lawson sta dimostrando di saper competere al meglio contro avversari che conoscono bene il DTM e le vetture GT3. Il tutto gestendo ogni gara con un’intelligenza e una bravura da vero veterano. Un ragazzo che ha, davvero, un grande futuro davanti a sé.

DTM Lawson Lausitzring R2 2021
Fonte: Ferrari Races Twitter

Terzo posto e gradino più basso del podio di Gara 2 per Kelvin van der Linde. Il sudafricano dell’Audi è ancora una volta bersagliato dalla sfortuna, quando, a metà gara e al comando, la sua R8 LMS si spegna improvvisamente per qualche secondo. Un problema che avrebbe potuto metterlo K.O., ma Kelvin è stato bravissimo a resettare il tutto in pochissimi secondi e non perdere troppe posizioni. Insomma, una fortuna nella sfortuna per il sudafricano del team ABT che, grazie a questo podio, resta leader del campionato.

DTM Kelvin van der Linde Lausitzring R2 2021
Fonte: ABT Motorsport Twitter

Quarto posto per il poleman di giornata e vincitore di ieri in Gara 1, Philip Ellis. Lo svizzero del team Winward non è riuscito a tramutare l’ottima pole position in almeno un piazzamento a podio, anche a causa della zavorra aggiuntiva per aver vinto ieri. Ellis è stato, comunque, molto abile nel tenere dietro per tutta la seconda parte di gara l’arrembante Sheldon van der Linde, quinto con la prima delle BMW. Il giovane sudafricano del team Rowe si riprende bene dopo la delusione per la penalità di ieri che lo ha privato il podio e resta tra i protagonisti di questo weekend.

Sesto un ottimo Marco Wittmann, con la seconda delle tre BMW M6, la sua l’unica del team Walkenhorst. Il due volte campione del DTM si sta dimostrando molto costante nei risultati in questo avvio di campionato ed è stato autore di una pregevole seconda metà di gara con una bella rimonta fino al sesto posto finale. Settimo al traguardo Dani Juncadella, che torna a punti dopo due gare senza averne racimolato nemmeno uno. Il problema tecnico che lo ha costretto al ritiro ieri è stato superato bene grazie al lavoro dei meccanici del team Gruppe M.

Chiudono la Top 10 e la zona punti, Mike Rockenfeller, Lucas Auer e Nico Müller. Il tedesco dell’Audi non riesce a ripetere il podio di Gara 1, ma è stato protagonista di una bellissima rimonta nelle fasi finali grazie alle gomme più fresche montate più tardi. Con una bella serie di sorpassi, il veterano del DTM è riuscito a rimontare fino all’ottavo posto finale, davanti all’austriaco della Mercedes e allo svizzero del team Rosberg dell’Audi. Un solo punto nel weekend del Lausitzring per Müller, che dovrà cercare un pronto riscatto a Zolder.

Fuori dalla zona punti Alex Albon: solo undicesimo il thailandese, che si è dovuto arrendere, negli ultimi giri, alla carica delle Audi di Rockenfeller e Müller. Il confronto con il compagno di squadra Lawson pende nettamente dalla parte del neozelandese, che sta dimostrando di essersi adattato molto bene al DTM. Niente punti anche per Maini, Glock e Abril.

Buon quindicesimo posto finale per Sophia Floersch, che si è messa alle spalle i problemi tecnici che l’hanno tartassata ieri e stamattina. La 20enne tedesca ha ancora margini di miglioramento, ma piazzare la sua Audi davanti alla Hawkey e a Gore è un risultato le dà morale. Ultimo e distante da tutti Maximilian Buhk, con una Gara 2 segnata dal drive-through iniziale per aver superato un avversario prima del via.

Unico ritirato di giornata Esteban Muth, che ha chiuso la gara anticipatamente per una brutta foratura alla posteriore destra della sua Lamborghini Huracan.

Tirando le somme di questo weekend del DTM al Lausitzring, Kelvin van der Linde è ancora leader del campionato con 69 punti, quattro in più di Liam Lawson, a quota 65. Terzo Philip Ellis, più staccato con 48 punti, con lo svizzero seguito a stretta distanza da Maximilian Götz, salito a 46 punti.

Tra due settimane il DTM tornerà nuovamente in pista con il terzo round della stagione 2021 sul tracciato belga di Zolder.

Immagine di copertina: Haupt Racing Team Twitter

CANALI TEMATICI SU TELEGRAM

NEWSLETTER

P300 MAGAZINE

PARTNERS

GRUPPI AMICI

ULTIMI ARTICOLI

COMMENTA

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ALTRI DALL'AUTORE

CANALI TEMATICI SU TELEGRAM