DTM | Albon, Red Bull e Ferrari: il trio inaspettato

CONDIVIDI

SEGUI P300.it

Telegram | Canale News

Telegram | Discussione

Google News

Twitter

Instagram

Secondo Autosport, Alex Albon e Red Bull correranno nel DTM con una Ferrari 488 GT3

Dieci giorni fa esatti era arrivato l’annuncio ufficiale di Alexander Albon e Red Bull come new entry del DTM, ma l’indiscrezione lanciata oggi da Autosport aggiunge un sapore tutto nuovo. Infatti, secondo fonti del magazine britannico, Red Bull dovrebbe appoggiarsi alla Ferrari per correre nel rinnovato campionato turismo tedesco, sotto la gestione del team AF Corse.

Albon

Con l’introduzione delle vetture e dei regolamenti GT3, sembrerebbe difficile che il team anglo-austriaco possa trovare supporto da Aston Martin, McLaren, Mercedes o Honda. Così l’opzione della Casa di Maranello resta la più forte, venendo a creare un sodalizio inaspettato ma intrigante in ottica futura. Non solo per Red Bull, ma anche per Albon, aprendogli, magari, un nuovo capitolo di carriera con il Cavallino Rampante. Il discorso vale anche per il giovane Liam Lawson, una delle stelle della academy Red Bull e compagno di squadra del thailandese nell’avventura in DTM.

Proprio Albon non correrà tutta la stagione a causa degli impegni da terzo pilota in F1, ma nel primo annuncio mancava ancora il nome del suo sostituto. Sebbene manchi ancora la certezza dell’ufficialità, sempre secondo Autosport, il nome più caldo è quello di Nick Cassidy. Il rischio più grande del suo ingaggio sarebbe solo il suo parallelo impegno in Formula E con la Virgin, in quanto il neozelandese è comunque sotto contratto con Red Bull.

Immagini: Red Bull F1 Twitter, ErregiMedia

ULTIMI ARTICOLI

MONOPOSTO by SAURO

Avatar of Alessandro Cellegato
Alessandro Cellegato
Laureato in Lettere Moderne all'Università Sapienza di Roma. Il motorsport e il giornalismo sono la mia vita e scrivere della mia passione più grandi è stata la scelta più bella che potessi fare. Inoltre, amo lo sport in generale, il cinema, le serie tv, la musica, la lettura e sono un inguaribile appassionato della cultura britannica.

ALTRI DALL'AUTORE