Commentatori straordinari, considerazioni straordinarie

Le Olimpiadi Invernali sono appena finite e come ogni edizione mi sono ritrovato imbambolato davanti a qualsiasi tipo di gara, dal biathlon al curling passando per slittini, sci, snowboard, dischi da ghiaccio, pattini e compagnia innevando.

Mi sono ritrovato di fronte alla piacevole sensazione di accendere la televisione e sentire dei commentatori sportivi, quelli di Eurosport per la precisione, che sanno esattamente di cosa stanno parlando. Gente che si fa prendere dall’entusiasmo se un italiano va davanti, ma che è ugualmente esaltata se è… lo straniero a fare il colpaccio da medaglia.

Tra tutti i commentatori della rete ora proprietà di Discovery si staglia, uno su tutti, Massimiliano Ambesi. Per me è una sorta di tuttologo, uno che farei impazzire a suon di domande tanto profonda è la sua conoscenza degli sport invernali. A Milano, sede di Discovery, fa la spola tra studio e cabina di commento; la sua conoscenza è così vasta da coprire un larghissimo numero di sport, dal pattinaggio short track fino al salto con gli sci. E se gli fai una domanda sullo sci alpino, sa dire la sua, con pronostici ragionati e inevitabilmente – salvo sorprese – corretti.

E così ho pensato: quanto mi piacerebbe avere un commentatore simile anche per il motorsport. Uno che sappia integrare la Formula 1 con la Formula E, il WEC con la Indycar. E forse esiste. Quello che manca, in realtà, è il sistema alla base (e parlo dell’Italia).

L’Olimpiade è un’utopia realizzata di gioia sportiva: per qualche settimana sono tutti immersi nella caccia alle medaglie, e se si è abbastanza aperti di mente si finisce a guardare di tutto. Fortunatamente la si fa semplice: ci sono dei favoriti e ci sono degli italiani. La speranza è di vedere trionfare degli italiani, e in mancanza di quello c’è sempre il talento degli altri, che crea lo spettacolo necessario. Nello snowboard halfpipe non abbiamo nessuno, ma che importa – realisticamente – quando si sa che a un certo punto arriverà Shaun White?

Il motorsport italiano è una tragedia greca costruita sulle occasioni mancate. A parte il discorso generale sulla mancanza di soldi (quando forse si penserà all’automobilismo come uno sport e non come una protuberanza del piano vendite delle case costruttrici, allora si progetteranno auto da corsa meno costose e a quel punto il modello di business sarà sostenibile) c’è quello della mancanza di comunicazione verso l’esterno. Ma siamo solo alla punta dell’iceberg. Un iceberg che è pitturato di rosso sotto il pelo dell’acqua. Un iceberg rosso che fagocita pagine e interesse lasciando al resto della compagnia le briciole. Un po’ come se nell’atletica venisse considerata soltanto la maratona e fossero snobbate tutte le altre discipline. Una bella speranza, quella di vedere tutto l’arco del motorismo italiano seguito con la stessa passione che si dedica alle rosse: le televisioni sarebbero lì pronte a trattare per una lunga serie di campionati, gli sponsor avrebbero più interesse a comparire, i piloti avrebbero altri sogni da seguire anziché infilarsi tutti nell’imbuto strettissimo chiamato Formula 1.

A quel punto il motorsport italiano sarebbe pronto alla sfida principale: ritornare al top in tutte le massime categorie, grazie ai suoi piloti. E ai commentatori verrebbe più facile parlare di un percorso fatto di campionati diversi, piste diverse, talenti diversi.

Molti tra appassionati e tifosi si stanno lamentando dell’HALO in F1: bene, questa può essere davvero l’occasione per aprirsi a nuovi orizzonti, testando la propria passione.

MONOPOSTO by SAURO

ULTIMI ARTICOLI

CONDIVIDI

925FollowersFollow
1,703FollowersFollow
Commentatori straordinari, considerazioni straordinarie 2
Samuele Prosino
Samuele Prosino, autore del blog Pilotiemotori, scrittore ogni tanto di fan fiction sui motori, ciclista scarso. Ex minardista.

NEWSLETTER

Resta aggiornato su P300.it iscrivendoti alla nostra mailing list

ALTRI DALL'AUTORE