Ayrton fa 60: sempre qui, intorno a noi. Nell’aria

Ayrton fa 60: sempre qui, intorno a noi. Nell’aria

Ogni anno ci si ritrova qui a celebrare compleanni, anniversari di chi non c’è più. Si ricorda, si riporta alla mente, si citano frasi e dichiarazioni, si sfogliano le riviste. Sistematicamente, ogni 365 giorni, il ciclo si ripete. Vorrà pur dire qualcosa.

Nel caso di Ayrton Senna vuol dire più di qualcosa. Basta chiamarlo in causa e già si vedono occhi lucidi, brividi, pelle d’oca. Ci sono nomi che passano sopra tutto, più forti addirittura del mondo frequentato.

Dire che Ayrton Senna significa Formula 1 è concettualmente sbagliato. Quando si parla di Magic la storia si ribalta. È la Formula 1 che significa Ayrton Senna. Da sempre, per sempre.

Averne vissuto solo la parte finale della carriera è un peccato, ma la sua presenza è talmente forte da sovrastare i tempi, il suo e quello trascorso dalla sua scomparsa. Ayrton non c’è solo fisicamente, ma è qui, in questo mondo, in ogni caso. È celebrato quotidianamente sul web, come se le sue imprese fossero state scolpite nella pietra solo ieri. È il simbolo di un movimento che, in Brasile, segue milioni di bambini.

È, soprattutto, quel casco giallo capace di spingersi oltre i limiti, superandoli ogni volta un po’ di più. Quale limite può essere superato più dell’essere ancora vivo dopo 26 anni dalla morte? Non lo so ma lui ci riesce, ogni anno. È cosa per pochi: fenomeni delle emozioni, eroi senza tempo. Come lui.

Oggi ne compie sessanta, poi saranno settanta ed ottanta. Non cambierà nulla, lui sarà sempre qui, nell’aria. Auguri Magic.

#iorestoacasa

A sostegno della Protezione Civile

IT84Z0306905020100000066387

MONOPOSTO by SAURO

ULTIMI ARTICOLI

CONDIVIDI

14,552FansLike
879FollowersFollow
1,642FollowersFollow
Ayrton fa 60: sempre qui, intorno a noi. Nell'aria 2
Alessandro Secchi
Classe 1983. Ragioniere sulla carta, informatico per necessità, blogger per anni ed ora giornalista pubblicista per passione. Una sedia, una tastiera e tre schermi sono il mio habitat naturale.
"Il mio Michael" è il mio libro su Schumi ma, soprattutto, il mio personale modo di dirgli "Grazie". #KeepFightingMichael, sempre!

ALTRI DALL'AUTORE