Audi lascia la Formula E a fine 2021 per concentrarsi su Dakar e LMDh

CONDIVIDI

SEGUI P300.it

Telegram | Canale News

Telegram | Discussione

Google News

Twitter

Instagram

Il prossimo progetto full-electric di Ingolstadt riguarderà la Dakar, dal 2022; previsto anche il ritorno alle corse endurance


Audi Sport ha annunciato quest’oggi i suoi programmi futuri per quanto riguarda le corse. La Casa degli Anelli andrà incontro ad un’autentica rivoluzione che non modificherà tuttavia la direzione intrapresa ormai da qualche anno: all’interno del Gruppo Volkswagen, Audi resterà il marchio volto alle nuove tecnologie, in particolare elettrico e ibrido.

La novità più importante riguarda innanzitutto il cambio della guardia alla guida della sezione sportiva del marchio di Ingolstadt: Dieter Gass, che aveva sostituito lo storico “guru” Wolfgang Ullrich nel 2017, cederà il comando in data 1° dicembre a Julius Seebach, il quale affiancherà questo nuovo incarico a quello di direttore amministrativo che già ricopre.

Il nuovo vertice di Audi Sport condurrà il marchio di Ingolstadt a due nuove sfide: la prima riguarderà la Dakar, a cui Audi parteciperà per la prima volta nel 2022 con una vettura dotata di propulsore elettrico, le cui batterie verranno ricaricate tramite un motore endotermico aspirato, mentre la seconda comporterà il ritorno in pianta stabile alle competizioni endurance, grazie ad un prototipo rispondente al nuovo regolamento LMDh che verrà impiegato sia nel WEC che nell’IMSA.

A fare le spese di questa rivoluzione sarà il progetto Formula E, che giungerà alla sua conclusione al termine del campionato 2021. Audi fornirà le powertrain in forma “cliente” qualora richiesto (si pensa al team Virgin Racing), ma l’impegno ufficiale verrà meno al termine della season 7.

Ecco le dichiarazioni dell’amministratore delegato di Audi, Markus Duesmann: “Vogliamo continuare a dare dimostrazione del nostro slogan ‘all’avanguardia della tecnica’ nelle massime categorie del motorsport internazionale in futuro, continuando a sviluppare tecnologie innovative per le nostre vetture stradali. Il rally più difficile del mondo è il palcoscenico perfetto per questo.

La Formula E ha accompagnato Audi durante la sua fase di trasformazione. Ad oggi, la mobilità elettrica per Audi non è solo un sogno futuro, è il presente. Questo è il motivo per cui abbiamo deciso di compiere un ulteriore passo nel motorsport elettrico, affrontando condizioni ancora più estreme. La libertà tecnologica offerta dalla Dakar è un perfetto laboratorio di prova per noi”.

Seebach si è invece soffermato sulle competizioni su pista: “Stiamo inoltre valutando altri palcoscenici di attività nel motorsport internazionale. Nel fare questo, teniamo a mente i desideri dei nostri clienti insieme alle strategie future dell’azienda, che sono concentrate sull’elettrificazione e sulla mobilità a zero emissioni. Ecco perché stiamo lavorando intensamente per entrare nella nuova categoria di prototipi LMDh, che avrà le sue gare principali nelle 24h di Daytona e Le Mans. Il messaggio più importante che vogliamo lanciare ai nostri fans è che il motorsport continuerà a giocare un ruolo importante per Audi”.

Resterà pienamente in vigore anche il programma clienti legato alle vetture GT3, sia nei campionati internazionali organizzati da SRO che in quelli nazionali. Negli ultimi giorni sono emersi rumors riguardanti un ritorno di Audi nelle competizioni turismo, con il nuovo modello della RS3 in versione TCR, ma questo nodo non è ancora stato ufficialmente sciolto.

Ulteriori informazioni sui nuovi progetti Dakar e LMDh arriveranno nei prossimi mesi.

Immagini: Audi Sport

ULTIMI ARTICOLI

MONOPOSTO by SAURO

Avatar of Federico Benedusi
Federico Benedusi
From Ostiglia, provincia di Mantova. Aspirante giornalista e appassionato di sport sin da bambino. Tante, forse troppe le categorie di motorsport che seguo, ma il mio sempre crescente desiderio di conoscere mi impone questo...

ALTRI DALL'AUTORE