Asia Road Racing Championship | Annullata l’edizione 2020

SEGUICI

Telegram | Canale News

Telegram | Gruppo Discussione

Twitter

Instagram

Le stringenti regole sui viaggi a causa della pandemia di Covid-19 hanno provocato l’annullamento del campionato


Un’altra tegola per il campionato asiatico Superbike. Dopo un primo annullamento del secondo round, a cui è seguito l’annullamento dei round tre e quattro e cinque, Two Wheels Motor Racing (promotore della serie) è stata costretta ad annullare l’edizione 2020 dell’ARRC a causa delle stringenti restrizioni causate dal Coronavirus.

Nello specifico, pesano le regole relative ai viaggi internazionali e alla quarantena che molti piloti iscritti al campionato avrebbero dovuto rispettare per poter presenziare agli eventi.

Per la prima volta in 25 anni, dunque, non si disputerà una stagione dell’Asia Road Racing Championship. Nonostante si sia comunque disputato il primo round a Sepang ad inizio marzo, con le vittorie di Yuki Ito e Markus Reiterberger, il titolo non verrà assegnato.

Queste le parole di Ron Hogg, Direttore di Two Wheels Motor Racing: “Abbiamo esaurito tutte le possibilità di far disputare almeno qualche round per poter assegnare i titoli 2020. Purtroppo, senza alcuna prospettiva di deregolamentazione delle restrizioni inerenti i viaggi aerei, siamo costretti a cancellare la stagione 2020. Senza possibilità di continuare la stagione, questo rende di fatto nullo il campionato 2020 e nessun campione sarà dichiarato per quest’anno. Estendiamo le nostre scuse a tutti gli appassionati di corse asiatiche che non vedevano l’ora di ricominciare a seguire il campionato. Estendiamo anche le nostre sincere scuse alle parti interessate, in particolare ai nostri sponsor e ai nostri circuiti. Ringraziamo tutti per la loro gentile comprensione e cooperazione. Nel frattempo, state tranquilli, Two Wheels Motor Racing sta progettando una grande stagione nel 2021“.

Queste, invece, le parole di Stephan Carapiet, Presidente di FIM Asia: “La cancellazione del FIM Asia Road Racing Championship 2020 è davvero molto deludente, ma dobbiamo accettare la decisione dei diversi Paesi per quanto riguarda le leggi nazionali per i requisiti di quarantena, che tengono conto delle misure di sicurezza per la salute della popolazione in generale. In questi tempi difficili, voglio ringraziare tutti gli sforzi fatti dal nostro promotore Two Wheels Motor Racing. Non vediamo l’ora di un ritorno nel 2021. Nel frattempo, spero che tutti continuino a stare al sicuro“.

Immagine di copertina: Flickr / TWMR Photo

MONOPOSTO by SAURO

ULTIMI ARTICOLI

CONDIVIDI

Asia Road Racing Championship | Annullata l'edizione 2020 2
Leonardo Pignalosa
Ho cominciato a seguire il Motorsport nel 2014, prima con F1 e MotoGP, poi con tutto il resto. Sono incredibilmente appassionato che seguo tantissimi campionati mondiali e nazionali. Da un paio d'anni ho anche la passione per la fotografia ed il giornalismo sportivo, chiaramente legato al Motorsport.

ALTRI DALL'AUTORE