Annunciato il primo Gran Premio virtuale della MotoGP

Annunciato il primo Gran Premio virtuale della MotoGP

Seguendo l’esempio di Formula 1, Indycar, Nascar e altre categorie, anche il Motomondiale ha deciso di omologarsi “alla massa” proponendo un’alternativa virtuale ai weekend di gara veri e propri. Un’alternativa temporanea chiaramente dettata dal volere di Dorna di intrattenere il proprio pubblico, al momento rimasto a bocca asciutta dopo i rinvii delle prime tappe del calendario, a causa della pandemia di Coronavirus che oramai ha toccato tutto il mondo.

Utilizzando il videogioco con licenza ufficiale della MotoGP, MotoGP ’19 sviluppato e pubblicato dall’italiana Milestone, alcuni dei piloti più importanti della classe regina dei prototipi si sfideranno a suon di sportellate e sorpassi. La cosa non è una novità, ma in parte lo sarà in quanto si tratterà di una sfida virtuale al 100%. Il luogo dello scontro sarà la pista del Mugello, riprodotta dal team italiano fedelmente sul videogioco in questione e, a quanto pare, la piattaforma sul quale si giocherà sarà la Playstation 4. Scelta del videogioco comunque peculiare: tra meno di un mese sarebbe uscito il nuovo capitolo videoludico della serie MotoGP, MotoGP ’20, quindi se dovessero continuare i Virtual GP, è possibili che ci si sposti sul nuovo gioco.

L’evento sarà molto breve e immediato, con due soli turni della durata di pochi minuti. Alle 15:00 di domenica 29 marzo andranno in scena le qualifiche, con appena cinque minuti disponibili dati ai vari piloti per fare i propri migliori tempi. Subito dopo ci sarà il via del Virtual GP, per una gara di soli sei giri. Tra i piloti annunciati troviamo Alex Rins, Maverick Viñales, Joan Mir, Aleix Espargaró, Fabio Quartararo e i fratelli Márquez, Marc e Álex. Per gli italiani ci sarà il solo Francesco Bagnaia, mentre Valentino Rossi, inizialmente annunciato per partecipare all’evento, alla fine non sarà presente. In totale sono dieci i piloti che hanno deciso di assecondare quest’esperimento.

Data la brevissima durata dell’evento, la visione fruibile gratuitamente su MotoGP.com, il basso numero di partecipanti e la natura del videogioco stesso (non propriamente un simulativo), appare chiaro come l’evento sia solo un innocente motivo di svago per gli spettatori, in modo da passare in tranquillità un weekend a casa con la MotoGP, seppur non quella a cui siamo abituati e sempre nell’attesa che i protagonisti della serie tornino a battagliare per davvero, con moto e piste vere.

Fonte immagine: motogp.com

Resta aggiornato su Telegram

#iorestoacasa

A sostegno della Protezione Civile

IT84Z0306905020100000066387

MONOPOSTO by SAURO

ULTIMI ARTICOLI

CONDIVIDI

14,557FansLike
883FollowersFollow
1,643FollowersFollow
Annunciato il primo Gran Premio virtuale della MotoGP 2
Alyoska Costantino
Sono Alyoska Costantino, per gli amici Aly. Ed è da quando avevo 6 anni che ho cominciato a vedere in televisione auto e motociclette sfrecciare a 300 km/h sui circuiti più belli di sempre. Weekend dopo weekend aumento la mia affinità col Motorsport, magari anche con categorie nuove da scoprire, specialmente con le due ruote che stanno diventando il mio pane. Pronto a dirvi le mie opinioni e ascoltare le vostre.

NEWSLETTER

Resta aggiornato su P300.it iscrivendoti alla nostra mailing list

ALTRI DALL'AUTORE