Aggiornamento del San Raffaele sulle condizioni di Alex Zanardi

SEGUICI

Telegram | Canale News

Telegram | Discussione

Google News

Twitter

Instagram

L’ex pilota prosegue nel percorso di ricostruzione cranio facciale

Un nuovo comunicato stampa è stato rilasciato in mattinata dall’Ospedale San Raffaele di Milano, dove Alex Zanardi è ricoverato dal 24 luglio scorso dopo la prima degenza all’Ospedale di Siena, iniziata il 19 giugno dopo l’incidente in handbike di cui è stato vittima.

Riportiamo il comunicato.

“il signor Alex Zanardi, ricoverato dal 24 luglio scorso, sta affrontando un percorso di cure sub-intensive, predisposto da una équipe multidisciplinare coordinata dai professori Luigi Beretta, direttore della Neurorianimazione, Mario Bussi, direttore di Otorinolaringoiatria, Sandro Iannaccone, direttore della Neuroriabilitazione, e Pietro Mortini, direttore della Neurochirurgia. Contemporaneamente è iniziato un ulteriore percorso chirurgico volto alla ricostruzione cranio facciale.

Un primo intervento è già stato eseguito con successo, alcuni giorni fa, dal professor Mario Bussi ed è già in programmazione per le prossime settimane, un secondo intervento che sarà eseguito dal professor Pietro Mortini”.

“Inoltre, da diversi giorni Alex Zanardi è sottoposto a sedute di riabilitazione cognitiva e motoria, con somministrazione di stimoli visivi e acustici, ai quali il paziente risponde con transitori e iniziali segni di interazione con l’ambiente. A fronte di questi progressi significativi, i medici ribadiscono, comunque, il permanere di un quadro clinico generale complesso, sulla cui prognosi è assolutamente prematuro sbilanciarsi”.

MONOPOSTO by SAURO

ULTIMI ARTICOLI

F1 | Il GP Portogallo 2020 secondo Brembo

La Guida ai sistemi frenanti Brembo per la gara all'Autodromo Internacional do Algarve Secondo i tecnici Brembo l’Autódromo...

CONDIVIDI

Aggiornamento del San Raffaele sulle condizioni di Alex Zanardi 1
Alessandro Secchi
Classe 1983. Ragioniere sulla carta, informatico per necessità, blogger per anni ed ora giornalista pubblicista per passione. Una sedia, una tastiera e tre schermi sono il mio habitat naturale.
"Il mio Michael" è il mio libro su Schumi ma, soprattutto, il mio personale modo di dirgli "Grazie". #KeepFightingMichael, sempre!

ALTRI DALL'AUTORE