WTCR | Hungaroring: Girolami dalla pole alla vittoria in gara-1

WTCR
Hungaroring: Girolami dalla pole alla vittoria in gara-1

Podio analogo alla top 3 della qualifica con Muller e Guerrieri alle spalle del vincitore di 27 Aprile 2019, 18:53

Nonostante la grande competitività che il WTCR sta attualmente esprimendo in pista a livello prestazionale, la prima manche dell'Hungaroring è stata piuttosto priva di emozioni. Il podio di oggi ha ricalcato la top 3 delle qualifiche con la vittoria di Néstor Girolami davanti a Yvan Muller ed Esteban Guerrieri, dopo 12 giri in cui il loro ordine in classifica è rimasto totalmente invariato.

Il team Münnich ha piazzato entrambe le sue Honda sul podio esattamente come in gara-1 a Marrakech, ma con i due piloti argentini in posizione invertita. Tra di loro si è piazzato il quattro volte iridato, che dopo lo sfortunato weekend marocchino è riuscito finalmente a conquistare un piazzamento importante.

Jean-Karl Vernay ha conquistato il quarto posto approfittando del contatto verificatosi al quinto giro tra Yann Ehrlacher e Aurélien Panis, che ha messo fine alla gara del pilota Lynk con la sospensione posteriore sinistra danneggiata. Il giovane figlio d'arte ha invece portato la Cupra ad un importante quinto posto, in una giornata in cui il marchio spagnolo è rimasto perlopiù nelle retrovie.

Sesto Frédéric Vervisch, autore di un'ottima partenza dal decimo posto e arrivato in scia al compagno di squadra Panis, con il quale però non condivide la stessa vettura. Alle spalle del belga hanno concluso gli svedesi Thed Björk e Johan Kristoffersson, con quest'ultimo che ha portato in top ten la Volkswagen appena alleggerita dal Balance of Performance.

Nono Augusto Farfus, che nel corso del quinto passaggio ha colpito Daniel Haglöf alla chicane senza conseguenze; lo svedese del team PWR è scivolato 11° mentre Norbert Michelisz ha portato una seconda Hyundai in top ten. Le i30 sono parse generalmente più in difficoltà rispetto a Marrakech, con Gabriele Tarquini solo 13° e Nick Catsburg addirittura fuori dalla zona punti, 18°. Il pilota di Giulianova è stato preceduto anche da Andy Priaulx, mentre la zona punti è stata completata da Robert Huff e Attila Tassi.

Solo 17° Mikel Azcona, uscito sconfitto dalla battaglia a centro gruppo con Tarquini, Huff e Tassi a causa di un problema allo sterzo. Tra i protagonisti mancati della gara si annovera anche Tiago Monteiro, 21° e mai in vista dopo essere scattato dalla 23esima casella della griglia. Giornata da dimenticare per le Alfa, con Kevin Ceccon 23° e Ma Qinghua 25° e ultimo dopo essere stato costretto ad una sosta ai box ancora prima della partenza della gara.

In classifica generale Guerrieri è tornato al comando con 75 punti contro i 70 di Björk e i 64 di Girolami. Più staccato Tarquini con 52, mentre Muller è risalito a quota 41 in settima posizione, una lunghezza in meno rispetto a Vernay e Vervisch. Tra le squadre Honda-Münnich allunga a 139 punti, 28 in più di Cyan Racing e ben 72 in più su BRC Racing.

La giornata di domani vedrà la seconda sessione di qualifiche alle 10:00, gara-2 alle 15:30 e gara-3 alle 17:00.

Classifica di gara:

Classifica piloti:

Classifica squadre:

Condividi