WTCR Guerrieri vince gara-3 a Macao, Tarquini è campione del mondo!

L'abruzzese soffre ed è decimo, ma Muller non va oltre un quarto posto
WTCR | Guerrieri vince gara-3 a Macao, Tarquini è campione del mondo!
di 18 novembre 2018, 05:40

Gabriele Tarquini è il campione 2018 del WTCR. Un titolo arrivato al termine di un weekend molto sofferto, con l'incidente della seconda qualifica e il ritiro di gara-2 a mettere tanta pressione sul 56enne di Giulianova, che alla fine ha mantenuto la freddezza necessaria per vincere il suo secondo titolo mondiale turismo a ben nove anni di distanza dal primo, vinto proprio a Macao con la Seat.

Dopo 30 gare, appena tre punti hanno diviso in classifica il pilota italiano e Yvan Muller, quarto in gara-3 e come sempre molto combattivo, ma l'aggressività dell'alsaziano non è bastata per rovesciare le sorti del campionato. Un Muller che ha comunque sorpreso tutti in questa stagione: dopo essere uscito dal pensionamento di fine 2016 e con l'iniziale intento di aiutare la sua stessa squadra a crescere, il francese si è ritrovato a lottare per il titolo fino all'ultima gara e c'è da scommettere che nel 2019 tornerà a dare la caccia al quinto titolo.

La terza manche di Macao è andata ad Esteban Guerrieri e alla Honda. L'argentino ha scavalcato in partenza Robert Huff e se lo è tenuto alle spalle fino al traguardo, conquistando la seconda vittoria stagionale dopo quella conseguita in gara-2 in Germania. Non è arrivata la decima vittoria sul Circuito da Guia per Huff, nettamente il pilota più veloce in pista ma del tutto impotente di fronte alla pochezza della sua Volkswagen Golf sui lunghi rettilinei dell'ex colonia portoghese. La doppia beffa di Macao ha messo il sigillo su una stagione totalmente da dimenticare per il pilota di Cambridge. 

Il podio di gara-3 è stato completato da Norbert Michelisz, dopo l'incidente occorso a Jean-Karl Vernay. L'ungherese ha recitato una parte molto importante per il titolo del suo compagno di squadra, rispondendo ad ogni attacco di Muller, ma a livello individuale anche per Michelisz il 2018 non sarà una stagione da ricordare.

La corsa si è conclusa in regime di safety car a causa dell'incidente di Zsolt Szabó, che all'ultima curva ha sbriciolato la sua Cupra contro le barriere di protezione. Buona chiusura di stagione anche per il team Ferraris e l'Alfa Romeo, grazie al settimo posto di Kevin Ceccon.

Per quanto riguarda la classifica team, la squadra guidata da Yvan Muller ha battuto il team BRC Racing di tre punti, grazie al quarto posto di Muller e all'ottavo di Björk nell'ultima gara. E sono sempre tre punti a dividere Tarquini e Muller nella classifica piloti, mentre Guerrieri si prende il terzo posto finale grazie alla vittoria odierna, davanti a Michelisz. Delusione per Björk, che dopo un weekend orribile chiude il campionato solo al settimo posto.

CRONACA

Prima del via: al termine del giro di ricognizione, entrambe le Cupra del team Zengő rientrano in pit lane per prendere il via della gara lontano dai "guai".

Partenza: esattamente come in gara-1, Huff si muove bene allo spegnersi dei semafori ma dopo pochi metri la sua Volkswagen inizia a pagare dazio a Guerrieri e Michelisz. L'argentino passa in testa e l'ungherese prende la sua scia, ma quest'ultimo si accorge dell'approssimarsi di Muller alla Mandarin e decide di alzare il piede per creare disturbo al francese. Huff torna così secondo, seguito da Vernay. Alla frenata dell'Hotel Lisboa si scontrano i primi due classificati di gara-2, Vervisch e Scheider, i quali spalancano la porta ai piloti subito alle loro spalle tra i quali spicca Tarquini. L'abruzzese è nono e soprattutto esce indenne dalla mischia del primo giro. Nelle posizioni di rincalzo invece si verifica un incidente che mette fuori gara Bennani, Shedden e Ferrara.

Giro 2: Michelisz crea subito un gap rispetto ai primi tre, per togliere a Muller ogni speranza di vincere il titolo. Il francese infatti deve giungere almeno terzo per potersi giocare qualche speranza iridata. 

Giro 3: Vernay porta un attacco a Huff alla staccata del Lisboa, ma l'inglese difende l'interno e mantiene la seconda posizione. Nella zona delle esse Solitude, Panis finisce a muro e la safety car è inevitabile. Torna ai box anche Scheider, dopo il contatto del primo giro.

Giro 6: la corsa riparte con un nuovo attacco infruttuoso di Vernay a Huff. Sussulto iridato per Tarquini, che nel tratto misto subisce un sorpasso molto cattivo da parte di Björk, che gli soffia la nona posizione.

Giro 10: Huff porta un attacco disperato a Guerrieri alla solita frenata del Lisboa, ma non è sufficiente per colmare il gap che la Honda #86 propina alla Volkswagen #12. 

Giro 11: un nuovo colpo di scena arriva al Lisboa, con Vernay che si stampa contro le barriere perdendo il terzo posto. Il gradino più basso del podio passa quindi a Michelisz, che precede Muller. All'ultima curva, Szabó finisce a muro e la Cupra #66 resta ferma in mezzo alla pista. Viene chiamata la safety car, che con un giro d'anticipo mette fine alle ostilità.

Giro 13: Guerrieri taglia il traguardo da vincitore su Huff, Michelisz, Muller, Ehrlacher e Oriola. Ceccon chiude buon settimo con l'Alfa davanti a Björk e Berthon, che poco prima della neutralizzazione era riuscito a superare Tarquini. L'abruzzese chiude i giochi iridati con il decimo posto. Per la seconda volta in tre gare, tra le wildcard la spunta Kevin Tse, 17°.

CLASSIFICHE

Gara-3:

Campionato:

Condividi

Nessun commento

Prendi parte alla discussione

I tuoi dati sono al sicuroIl tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Anche gli altri dati non verranno divulgati a terzi.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.