WRX Pubblicata la entry list del campionato 2019

Sedici i partecipanti che correranno tutte le dieci tappe in campionato
WRX | Pubblicata la entry list del campionato 2019
di 06 Marzo 2019, 16:44

La seconda parte del 2018, durante l’ascesa al secondo titolo di Johan Kristoffersson con la sua Volkswagen Polo, aveva riservato parecchie novità per il campionato mondiale di Rallycross, gran parte delle quali non propriamente positive. La partenza in forma ufficiale di tutt’e tre i marchi impegnati al 100% nella categoria, cioè VW, Audi e Peugeot, non aveva fatto presagire a un livello della competizione particolarmente alto. A questo punto si accodano sia una diminuzione delle tappe in campionato a soli dieci RXEvent, sia la partenza anche di alcuni team di prim’ordine, come la squadra Olsbergs MSE che non correrà nel campionato 2019.

Oggi il sito ufficiale del campionato ha pubblicato la entry list dei partecipanti che disputeranno in forma completa la stagione 2019. Gli iscritti sono sedici, con l’arrivo anche di team e marchi nuovi e il ritorno di vecchie conoscenze.

Non parteciperanno, come detto, i campioni del mondo Kristoffersson e il team PSRX Sweden, lasciando così incerta la lotta per l’iride. Sono rimasti invece, seppur diminuendo il loro impegno, i team Hansen per Peugeot e il team EKS Sport per Audi, gestito dall’ex-campione Mattias Ekström. Dopo la partenza del “Cannibale” Loeb dal gruppo PSA per correre con Hyundai nel WRC, la Casa francese schiera nuovamente i fratelli Hansen, Timmy e Kevin, iscritti rispettivamente coi numeri 21 e 71; della vecchia line-up 2018 del team EKS invece non è rimasto nulla, e sarà l’ungherese Krisztian Szabo a portare in pista l’unica S1 gestita dal team svedese.

Saranno tre le vetture di Ingolstadt al via, di cui due gestite dal team Monster Energy RX Cartel, struttura formatasi da pochissimo e che ha deciso di fare le cose in grande, assumendo l’ex-pilota EKS Andreas Bakkerud e l’esperto Liam Doran, vecchia conoscenza e grande conoscitore dell’ambiente del rallycross. Il team Monster Energy si preannuncia quello di punta per Audi.

Con l’addio in forma factory dei tre marchi già citati, ad avere la strada potenzialmente spianata è il team GRX Taneco, gestito da Marcus Grönholm e unico a usare le Hyundai i20, come successo già nel 2018. Confermata la squadra scelta la scorsa stagione, con l’ex-campione europeo Timur Timerzyanov e l’astro nascente Niclas Grönholm, figlio della leggenda dei rally e settimo nella generale dello scorso anno, ma soprattutto autore di diverse prestazioni da ricordare; il finlandese ha scelto il #68, il russo il #7. Reinis Nitiss, campione dell’ERX 2018, ha deciso in accordo col team finnico di partecipare solo ad alcuni round, e il primo di questi potrebbe essere proprio ad Abu Dhabi, la prima gara dell’anno.

Un altro team confermato dalla passata stagione è GC Kompetition, che correrà nuovamente con le Mégane R.S. adeguatamente migliorate dalla squadra di origini francesi. Il team scelto vede Guerlain Chicherit e il campione europeo 2017 Anton Marklund, alla sua prima stagione completa dal 2016 quando vestiva i colori di Volkswagen Sweden.

I due principali avversari di Marklund nel 2018 saranno presenti quest’anno nella categoria maggiore, ma per Nitiss si tratterà di apparizioni sporadiche. Cyril Raymond, vera sorpresa sulle Supercar nel campionato europeo, correrà su una modesta Renault Clio RS gestita da un team surrogato a GC Kompetition, ovvero GCK Academy. L’obiettivo è fare esperienza, cosa che può valere anche per il belga Guillaume De Ridder, arrivante dalle RX2 e nuovo compagno di squadra di Raymond.

Janis Baumanis, al contrario del suo connazionale lettone, correrà tutta la stagione a bordo di una Ford Fiesta del team austriaco STARD, supportato da Ford Performance Parts, il quale si può rivelare un ottimo alleato per questa stagione di WRX. Saranno schierate due vetture da questo team, ma la seconda è ancora senza proprietario, quindi il nome sarà probabilmente annunciato nel mese che ci separa dal RXEvent di Abu Dhabi.

Un gradito ritorno a tempo pieno è quello del marchio Seat, di Timo Scheider e del team All-Inkl.com, già presenti un paio di stagioni fa per poi concentrarsi nelle gare turismo. Come per gli altri team, la squadra fondata da René Münnich può dire fortemente la sua, a patto che la competitività della Ibiza sia cresciuta nel corso dell’inverno. In alcuni round saranno presenti due Ibiza, la seconda guidata proprio dal fondatore del team.

Il pilota più giovane sullo schieramento sarà Rokas Baciuska, diciannovenne lituano pilota del nuovo team ESmotorsport, col duro compito di svezzare la Skoda Fabia in assetto Rallycross. La mossa del gruppo Volkswagen di passare il testimone dalla vecchia Polo al marchio ceco, anche per una questione di rinnovamento dell’immagine, appare chiara, ma solo il tempo ci dirà le effettive potenzialità del pacchetto. L’ultimo iscritto è l’inglese Oliver Bennett, già iscritto a diversi eventi lo scorso anno con la sua Mini Cooper gestita da Xite Racing.

A seguito la lista completa di partecipanti. Solo i team iscritti con due vetture a questa entry-list potranno partecipare al campionato costruttori, mentre i quattro iscritti in singolo potranno accumulare punti solo per la classifica piloti.

Fonte immagine: fiaworldrallycross.com

Condividi

Nessun commento

Prendi parte alla discussione

I tuoi dati sono al sicuroIl tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Anche gli altri dati non verranno divulgati a terzi.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.