WRC Ott Tänak vince il Rally di Svezia ed è leader del campionato

Lappi e Neuville completano il podio, solo due punti nella Power Stage per Ogier
WRC | Ott Tänak vince il Rally di Svezia ed è leader del campionato
di 17 Febbraio 2019, 16:57

Quando la malasorte riesce a dimenticarsi di Ott Tänak, questo è destinato a dominare la scena. Così è accaduto anche nel Rally di Svezia, che l'estone della Toyota ha vinto con poco meno di un minuto di vantaggio su Esapekka Lappi e Thierry Neuville al termine di un weekend dominato. 

Le ultime tre speciali del rally non hanno impensierito minimamente Tänak, che ha risparmiato le gomme nelle prime due frazioni per poi aggiudicarsi anche la Power Stage. Grazie al punteggio pieno ottenuto in Svezia, l'estone si è portato in testa al mondiale per la prima volta in carriera.

Tre piloti hanno lottato per il secondo posto e alla fine l'ha spuntata Esapekka Lappi, sul podio con la Citroën già al secondo tentativo. Il finnico ha preceduto Neuville di tre secondi netti, difendendosi strenuamente per tutte e tre le frazioni rimanenti e togliendo tre punti fondamentali al belga; Neuville si è parzialmente rifatto chiudendo al secondo posto la Power Stage, risultato tuttavia non sufficiente per scalzare la C3 #4 dalla piazza d'onore. Ha invece ceduto il passo Andreas Mikkelsen, partito stamani con lo stesso tempo di Lappi e attardato di 11"7 al traguardo finale: un quarto posto comunque incoraggiante per il norvegese, autore di un rally regolare e senza errori gravi.

Sono mancati appena 2"8 ad Elfyn Evans per raggiungere Mikkelsen. Il gallese ha concluso in crescendo, vincendo la PS18 e chiudendo terzo la Power Stage, ma il deludente pomeriggio di ieri lo ha tolto dalla lotta per il podio. Risultato positivo per Ford e per il team M-Sport, nel giorno del 63° compleanno del patron Malcolm Wilson. 

Sesto Kris Meeke, mai davvero in partita sulla (poca) neve svedese, così come Sébastien Loeb che ha portato a casa un settimo posto ma con quasi un minuto e 50 secondi di ritardo dal vincitore. Per il nove volte iridato si prospetta ora un periodo di pausa, poiché dal Rally del Messico al volante della terza Hyundai tornerà al volante Daniel Sordo. Ottavo Pontus Tidemand, alla sua seconda uscita sulla Ford ufficiale e ancora non pienamente a suo agio con la nuova vettura: anche lo svedese ha promesso che tornerà alla guida della Fiesta nel prosieguo della stagione.

La corsa alla Power Stage di Sébastien Ogier, invece, si è conclusa solo al quarto posto. Un weekend da cancellare in fretta per il sei volte campione del mondo, che porta a casa due soli punti e perde la testa del campionato, fatto comunque non negativo in vista del Messico.

Tra le one-off del weekend si è messo in evidenza Janne Tuohino, che dopo una partenza in sordina ha preso confidenza con la Ford Fiesta concludendo decimo assoluto. L'ultimo piazzamento a punti nel WRC per il finlandese risaliva al 1000 Laghi del 2006, quando concluse in sesta posizione su una Citroën privata. Lorenzo Bertelli ha portato a termine il suo rally in 20esima posizione, mentre Marcus Grönholm ha salutato definitivamente il mondo delle corse fuoristrada con un 38° posto, condizionato ovviamente dal ritiro di venerdì.

Nono posto e vittoria tra le WRC-2 per Ole Christian Veiby, che ha quindi messo a segno il primo successo della Volkswagen Polo R5 nel mondiale rally. Le ultime tre frazioni, a differenza di quanto accaduto nella generale, hanno regalato un discreto colpo di scena alla classe cadetta perché Jari Huttunen è rimasto coinvolto in un incidente nella PS18, perdendo il secondo posto. La piazza d'onore delle WRC-2 è andata a Mads Østberg, che ha quindi conquistato anche il successo tra gli ufficiali, davanti ad Emil Lindholm che ha ceduto il passo solo nelle ultime due frazioni. Quarto assoluto, e terzo tra i privati, un ottimo Johan Kristoffersson, che con l'uscita di strada di ieri ha gettato alle ortiche un risultato ancora migliore. Il podio degli ufficiali è stato completato da Kalle Rovanperä e Gus Greensmith, 18° e 19° assoluti. Zona punti solo sfiorata tra le R5 private per Tamara Molinaro, 11esima.

Il primo successo stagionale nel JWRC è andato al pilota di casa Tom Kristensson, dopo l'incidente che ieri pomeriggio ha tolto di scena il dominatore del weekend Dennis Rådström. Lo svedese si è imposto con un minuto e mezzo su Roland Poom e oltre quattro su Jan Solans, a formare un podio di soli debuttanti della categoria. Settimo Enrico Oldrati.

La nuova situazione del mondiale vede Tänak al comando con 47 punti contro i 40 di Neuville e i 31 di Ogier, mentre il primo degli inseguitori del terzetto in lizza per il titolo è sempre Kris Meeke a quota 21. Cambio anche al vertice della classifica costruttori, con Toyota a 58 punti contro i 57 di Hyundai.

Il prossimo appuntamento con il WRC è previsto tra poco meno di un mese, con il Rally del Messico.

Power Stage:

Classifica finale:

Classifica di campionato:

Condividi

Nessun commento

Prendi parte alla discussione

I tuoi dati sono al sicuroIl tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Anche gli altri dati non verranno divulgati a terzi.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.