WRC Catalunya: Tänak incrementa il vantaggio, Loeb risale quarto

Ogier scivola in settima posizione, Neuville in nona
WRC | Catalunya: Tänak incrementa il vantaggio, Loeb risale quarto
di 26 ottobre 2018, 20:15

La prima tappa del Rally di Catalunya 2018 si è conclusa con un Ott Tänak sempre più leader della classifica. Nonostante la posizione di partenza sfavorevole, anche nel giro pomeridiano l'estone ha incrementato il suo vantaggio sui principali inseguitori e, soprattutto, sui due avversari per il titolo che hanno continuato a faticare ben più dell'alfiere Toyota. Tänak prenderà il via della seconda tappa, su asfalto, con 26"8 su Daniel Sordo e 29"7 su Elfyn Evans.

Il pilota di casa ha vinto la PS5 e nelle due successive è riuscito a ribaltare la situazione sul gallese della Ford, che pur guidando senza sbavature non è riuscito a tenere il passo della Hyundai #6. Per Evans si tratterebbe comunque di un risultato molto positivo, qualora dovesse riuscire a gestire questa posizione anche nelle prossime due giornate. La lotta per il secondo posto è apertissima, con sei piloti in poco meno di 13 secondi.

Risolti i problemi di gomme della mattinata, le Citroën hanno prontamente risalito la classifica sfruttando la strada più pulita. Quarta piazza a fine giornata per Sébastien Loeb, che ha ritrovato il feeling mancato nel primo giro di prove speciali, mentre Craig Breen ha seguito da vicino il nove volte iridato fino alla perdita dell'alettone posteriore nella PS7, che gli è costata una quindicina di secondi e una nuova retrocessione all'ottavo posto. 

Assoluto protagonista del pomeriggio è stato però Jari-Matti Latvala, che ha vinto le altre due prove speciali recuperando circa otto secondi a Tänak e cinque posizioni in classifica. Ora il finlandese dista 37"6 dal compagno di squadra ma il passo mostrato oggi è più che buono in ottica podio, ma non dovrà commettere altri errori come quello di stamani. Sesta posizione per Andreas Mikkelsen, che ha pagato in negativo la scelta di portare due ruote di scorta prevedendo un'usura delle gomme che invece non si è verificata, a causa dell'abbassamento delle temperature. Il norvegese è comunque riuscito a tenersi dietro Sébastien Ogier, settimo ma tutto sommato soddisfatto per la giornata da secondo partente: i 12"6 di distacco dal secondo posto sono un passivo recuperabile, considerando anche che il partire nelle prime posizioni domani costituirà invece un vantaggio.

Dopo avere rischiato un altro incidente nella PS6, dopo il capottamento dello shakedown di ieri e il testacoda di stamattina, Thierry Neuville ha concluso un altro venerdì difficile in nona posizione. Il belga ha pagato un minuto scarso a Tänak e 20 secondi a Ogier ma domani sarà il quarto a prendere il via e avrà modo di recuperare qualcosa almeno in termini di tempo. Sono esattamente 15, invece, i secondi di ritardo da Craig Breen dopo l'inconveniente capitato all'irlandese a fine giornata. 

Un altro testacoda è costato altri secondi preziosi ad Esapekka Lappi, decimo a fine tappa con un ritardo di quasi un minuto e dieci secondi dal compagno di squadra al comando. Peggio di lui hanno fatto solo il connazionale Teemu Suninen, più veloce nel pomeriggio ma già attardato di due minuti e 25, il gentleman driver Khalid Al-Qassimi e Ken Block, ritiratosi per un incidente proprio nell'ultima prova speciale. L'emiro della Citroën sarà quindi l'apripista di domani.

Éric Camilli ha conservato la leadership nella classe WRC-2 concludendo al meglio il "primo giorno di scuola" della Volkswagen Polo R5. Il vantaggio su Kalle Rovanperä, molto veloce per tutto il pomeriggio, ammonta solo a 11"8 ma la Polo sembra avere già le potenzialità per lottare con l'invincibile Škoda Fabia. Petter Solberg ha perso il secondo posto proprio in vista del traguardo finale di giornata, scivolando alle spalle del figlio di uno dei suoi avversari storici per 8"6. Ján Kopecký sta invece badando a portare a casa i punti necessari per vincere il titolo cadetto e il distacco di 21"1 da Camilli è molto positivo se si considera che il suo fondo prediletto, l'asfalto, deve ancora arrivare. Nil Solans chiude la top 5 davanti a Kajetan Kajetanowicz e Henning Solberg, mentre Simone Tempestini è ottavo. Ritiro invece per Fabio Andolfi, che tornerà in gara domani con la Rally2. 

Ritiro anche per Louise Cook in WRC-3, fermata da problemi al motore. Nella classe inferiore resta dunque il duello mondiale tra Taisko Lario ed Enrico Brazzoli, con il finlandese in vantaggio di oltre cinque minuti e mezzo sull'azzurro.

Sette prove speciali in programma per la giornata di domani. Primo semaforo verde alle 8:33.

Classifica

Condividi

Nessun commento

Prendi parte alla discussione

I tuoi dati sono al sicuroIl tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Anche gli altri dati non verranno divulgati a terzi.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.