WRC Catalunya: Tänak fora e precipita nono, Sordo nuovo leader

Ancora una volta, l'estone è colpito dalla sfortuna. Ora la top 5 è chiusa in 13"
WRC | Catalunya: Tänak fora e precipita nono, Sordo nuovo leader
di 27 ottobre 2018, 11:40

L'ennesimo episodio sfortunato ha colpito Ott Tänak nella decima prova speciale del Rally di Catalunya. L'estone della Toyota è stato costretto a fermarsi per sostituire una gomma forata, perdendo circa un minuto e 45 secondi e di conseguenza la leadership della classifica di un rally che stava nuovamente dominando. Essendo scivolato al nono posto, visti i distacchi piuttosto risicati di questa corsa, si può dire che le speranze iridate di Tänak si siano definitivamente spente, a colpi di sfortuna.

Ad ereditare il comando di una classifica davvero cortissima è stato Daniel Sordo. L'idolo di casa si è difeso molto bene nonostante una scelta di gomme rivelatasi errata, con cinque gomme slick soffici che sull'asfalto umido non hanno reso al meglio. Ne ha approfittato a piene mani Jari-Matti Latvala, che ha puntato tutto sulle gomme rain e nelle due prove speciali corse ha recuperato tutto lo svantaggio che lo separava dalla Hyundai #6 dopo la prima tappa, fermandosi ad appena tre decimi dallo spagnolo. Per Latvala questo rally si è dunque riaperto in maniera clamorosa e senza Tänak toccherà decisamente a lui il compito di tenere alta la bandiera del team Toyota.

Le gomme slick hanno rallentato anche il passo di Elfyn Evans, scivolato alle spalle di Latvala e con 8"6 da recuperare su Sordo. L'impressione però è che il gallese della Ford debba maggiormente guardarsi alle spalle, poiché nelle posizioni immediatamente successive troviamo la bellezza di 14 titoli mondiali. Stiamo parlando ovviamente di Sébastien Loeb e Sébastien Ogier, a loro volta sulla stessa scelta di gomme di Evans ma ben più veloci cronometro alla mano. Soprattutto per Ogier l'occasione è davvero enorme, visti i 19"3 di vantaggio su Thierry Neuville e la possibilità di recuperare tante posizioni (e tanti punti) in poco tempo.

Giro mattutino davvero fruttuoso anche per il belga, che ha recuperato tre posizioni beneficiando dei problemi di Tänak e Mikkelsen e dell'incidente di Craig Breen. Il norvegese ha praticato una scelta di gomme ibrida, con quattro gomme slick e due rain, ma ciononostante ha realizzato tempi molto alti precipitando in decima posizione; l'irlandese della Citroën invece ha sbattuto nella PS9, danneggiando seriamente il retrotreno della sua C3 e perdendo quindi efficacia dal punto di vista della guida. Con un ritardo di 32"4 dalla testa anche il rally di Neuville si è riaperto, ma anche per lui il giro pomeridiano non dovrà conoscere "soste", anche perché alle sue spalle sta risalendo con energia Esapekka Lappi con la terza Toyota.

Kalle Rovanperä ha invece rimesso le cose in chiaro per quanto riguarda la classe WRC-2, scavalcando Éric Camilli nella PS9 ma senza distanziarlo. Il francese ha risposto al finnico nella PS10, accorciando subito il distacco a 3"1, ma la lotta si è riaperta anche a Ján Kopecký, che come previsto sull'asfalto è tornato a dettare legge. I tre sono racchiusi in appena 3"5. Ha perso terreno Petter Solberg, scivolato in quinta posizione alle spalle anche dell'iridato junior 2017 Nil Solans, al volante di una Ford: due prove speciali da incubo per il campione 2004, che ha lasciato tantissimi secondi per strada e ora è nel mirino di Kajetan Kajetanowicz, che dopo una prima tappa in ombra sta cercando di risalire la china. Settima posizione per Simone Tempestini, davanti a Henning Solberg. Nella WRC-3 invece è passato al comando Enrico Brazzoli, dopo che Taisko Lario non è riuscito a raggiungere il service park di ieri sera in tempo: il finlandese è stato quindi riammesso in classifica con la formula Rally2 e ora ha quattro minuti e 21 secondi di ritardo dall'italiano.

La PS8, che avrebbe dovuto aprire la giornata odierna, è stata cancellata per un eccesso di spettatori sul percorso. Visti i rigidi provvedimenti presi dalla FIA per casi come questo, come l'esclusione del Rally di Polonia dal calendario 2018, è lecito pensare che nel 2019 anche il Catalunya venga posto sotto la lente d'ingrandimento della Federazione Internazionale.

Alle 13:25 prenderà il via il giro pomeridiano. Le quattro speciali in programma potrebbero avere un enorme peso sull'esito finale di questo WRC 2018.

Classifica

Condividi

Nessun commento

Prendi parte alla discussione

I tuoi dati sono al sicuroIl tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Anche gli altri dati non verranno divulgati a terzi.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.