WRC Australia: Tänak passa al comando, Neuville ottavo

L'estone scavalca Latvala e conserva chances di titolo, Neuville risale ma resta lontano
WRC | Australia: Tänak passa al comando, Neuville ottavo
di 17 novembre 2018, 10:21

A sei prove speciali dalla fine del Rally d'Australia e del WRC 2018, Ott Tänak ha rilanciato le sue quotazioni in ottica mondiale piloti pur nella consapevolezza di non avere il destino nelle proprie mani. L'estone della Toyota ha superato il compagno di squadra Jari-Matti Latvala con tre prove speciali vinte sulle sei disputatesi nel pomeriggio e domani dovrà gestire un vantaggio di 21"9. Non c'è battaglia in casa Toyota, perché nella quasi impossibilità di vincere il titolo piloti bisogna assolutamente conquistare il costruttori e il risultato attuale è ovviamente il massimo conseguibile.

Latvala dovrà tuttavia guardarsi da Hayden Paddon, autore di un giro pomeridiano competitivo con la vittoria nella PS13 e ora attardato di soli 4"4 da Latvala. Un eventuale sorpasso ai danni del finlandese avrebbe pochissimi effetti in ottica mondiale, ma per il neozelandese della Hyundai sarebbe una grande soddisfazione per chiudere un'altra stagione poco felice.

Una giornata molto difficile si è conclusa con il quarto posto assoluto per Mads Østberg, che a parità di condizioni di terreno non ha tenuto il passo delle Toyota e nel pomeriggio ha anche lamentato problemi di bilanciamento della sua Citroën. Iniziata in prima posizione, la seconda tappa del norvegese si è conclusa a 46"6 dal nuovo leader, segno di come le Yaris abbiano fatto la differenza e di come i percorsi di oggi siano stati molto più selettivi rispetto a quelli di ieri. Ancora quinto Esapekka Lappi, ormai nella scia della C3 #10 alla quale porterà l'attacco definitivo domani.

Poco è cambiato nella lotta titolata. Sébastien Ogier ha controllato la situazione nel corso del pomeriggio, conservando la sesta posizione seppur con un ritardo da Tänak che ormai si avvicina ai due minuti. Le speranze di pioggia di Thierry Neuville sono state rese vane, poiché il rovescio (piuttosto importante, peraltro) si è presentato solo in occasione delle due superspeciali di fine giornata. Nel corso del pomeriggio, il pilota della Hyundai ha scavalcato sia Craig Breen che Teemu Suninen risalendo in ottava posizione, ma i 30"6 di ritardo da Elfyn Evans lo inducono ancora a sperare più nel destino che nel cronometro. Il distacco da Ogier è invece di 50"4.

Le riparazioni a seguito dell'incidente nella PS11 sono costate una severa penalità a Breen, che si è presentato in ritardo di ben 23 minuti al controllo orario post-PS12. Per l'irlandese sono arrivati 3'50" di penalità che hanno messo fine alle sue possibilità di conquistare un buon piazzamento, già compromesse dall'episodio di cui sopra. Decima posizione per il secondo pilota della Citroën, con un ritardo di quasi sei minuti e mezzo.

In WRC-2, Alberto Heller ha conservato la leadership della classifica mentre Armin Kremer si è fermato nella PS16 retrocedendo in terza posizione in vista di una ripartenza con la formula Rally2. In seconda posizione di categoria si è portato quindi Gianluca Linari con la Subaru.

La giornata decisiva del mondiale rally 2018 prenderà il via alle 20:53 italiane. Si svolgeranno sei prove speciali per un totale di 84 chilometri.

Classifica:

Condividi

Nessun commento

Prendi parte alla discussione

I tuoi dati sono al sicuroIl tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Anche gli altri dati non verranno divulgati a terzi.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.