WEC Diramato il calendario 2017

WEC | Diramato il calendario 2017
di 22 settembre 2016, 20:51

Nel corso della giornata di oggi è stato ufficializzato il calendario 2017 del WEC. La stagione ventura si disputerà nuovamente su nove round, gli stessi di quest'anno e nel medesimo ordine. Partenza il 16 aprile a Silverstone e conclusione il 18 novembre in Bahrain, tutte le gare si svolgeranno con il solito format di sei ore, a parte ovviamente la 24h di Le Mans che si svolgerà tra il 17 ed il 18 giugno.

L'unica novità è rappresentata dalla sede dei test collettivi pre-stagione, che nel WEC prende il nome di "Prologo". Dopo quattro edizioni a Le Castellet, dal 2017 si andrà a Monza, già sede di numerosi test privati in vista di Le Mans considerata la configurazione del circuito simile a quella della Sarthe. Appuntamento, quindi, al weekend del 24 e 25 marzo, quando tutti i protagonisti del mondiale endurance saggeranno l'asfalto brianzolo per gli ultimi preparativi in vista di una nuova ed entusiasmante stagione.

Ecco le parole di Pierre Fillon, presidente dell'Automobile Club de l'Ouest: "Siamo molto contenti di avere mantenuto un certo livello di stabilità in questi cinque anni del WEC, il calendario 2017 ci permette di mandare avanti un elemento tradizionale dell'endurance, quella di gareggiare in tutto il mondo. Il crescente numero di fan anno dopo anno è la prova che tornare su uno stesso circuito in uno stesso periodo dell'anno permette alle persone di pianificare anticipatamente la loro presenza in circuito... e di portare anche amici e parenti a godere a loro volta dello spettacolo e dell'accessibilità offerti dal WEC. La 24h di Le Mans non ha bisogno di presentazioni, ma sappiamo anche che l'affluenza in luoghi come il Messico non potrebbe che crescere qualora crescesse il loro interesse per il WEC. Confidiamo in un 2017 appassionante, a partire dalla nostra prima visita in Italia".

"L'opportunità di iniziare la stagione a Monza farà sicuramente piacere a piloti, fan e media", gli ha fatto eco l'amministratore delegato del WEC, Gérard Neveu, "speriamo che il calendario non rispetti solo le aspettative e i requisiti richiesti dai nostri partners e piloti, oltre ad avere un senso economico e logistico, ma anche che si adatti bene al crescente numero di eventi che ogni circuito ospita. Il WEC continua a dare l'accesso ai fan al più tecnologicamente avanzato, competitivo e aperto campionato esistente, oltre a costituire per tutti i marchi impegnati un perfetto palcoscenico per mettere in mostra tutti i loro prodotti dentro e fuori la pista".

Ecco il calendario completo:
24-25 marzo Monza (test collettivi)
16 aprile Silverstone
6 maggio Spa-Francorchamps
17-18 giugno Le Mans
16 luglio Nürburgring
3 settembre Città del Messico
16 settembre Austin
15 ottobre Fuji
5 novembre Shanghai
18 novembre Sakhir

Sei di questi nove round, precisamente Silverstone, Spa-Francorchamps, Nürburgring, Città del Messico, Fuji e Sakhir, cercheranno di ridare vita alla Formula V8 3.5 Series, quest'anno decisamente penalizzata dall'abbandono di Renault Sport Technologies che organizzava il campionato ormai dal 2005. L'accordo tra l'ACO e la RPM, società gestita da Jaime Alguersuari senior è arrivato alla fine del mese di luglio e prevede una responsabile gestione dei costi delle tre trasferte extraeuropee, oltre ad un maggiore legame tra i team appartenenti al campionato di Alguersuari e quelli del WEC, con possibilità di incoraggiarne alcuni a partecipare ad entrambi.

Nota (molto) negativa è la concomitanza tra la 6h del Nürburgring e l'ePrix di Montréal, penultimo appuntamento del prossimo campionato di Formula E. In attesa di scoprire la entry list 2017 del WEC, allo stato attuale delle cose i partecipanti ad entrambi i campionati sono ben otto, cinque dei quali sotto contratto con team ufficiali. È altamente probabile, quindi, che Sam Bird (Ferrari/Virgin), Stéphane Sarrazin (Toyota/Venturi), Loïc Duval (Audi/Dragon), Sébastien Buemi (Toyota/DAMS) e Lucas di Grassi (Audi/Abt) disertino la prova canadese delle elettriche, formando così un pesante "buco" nel campionato gestito da Alejandro Agag. Diversa la posizione di Nicolas Prost, Nick Heidfeld e Adam Carroll, che nell'endurance gareggiano con team privati (Rebellion i primi due, Gulf Racing il terzo) e dovrebbero essere perciò meno vincolati in caso di concomitanze varie. Una situazione decisamente complicata: in linea teorica, la Formula E ha annunciato il suo calendario 2016/2017 per prima ed è risaputo quanto difficoltoso sia organizzare un ePrix (basti pensare alle peripezie dell'ultimo ePrix di Londra), ma anche il Nürburgring presenta un fitto calendario di eventi e non può organizzare il Gran Premio di Germania di Formula 1 e la 6h del WEC a distanza troppo ravvicinata. L'unica cosa certa è che la FIA, ancora una volta, non ha preso in mano la situazione per tempo, ritrovandosi così una brutta gatta da pelare. Scopriremo col passare delle settimane se la vicenda subirà evoluzioni.

Immagine copertina: fiawec.com

Condividi

Nessun commento

Prendi parte alla discussione

I tuoi dati sono al sicuroIl tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Anche gli altri dati non verranno divulgati a terzi.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.