Van der Garde: "Miglioro di gara in gara"

Van der Garde:
di 03 settembre 2013, 14:00

Giedo van der Garde ha esordito all’inizio della stagione in Formula 1 al volante della modesta Caterham. Il pilota olandese ha da subito patito il confronto con il compagno di squadra Pic, ma nelle ultime gare è cresciuto ed ha dimostrato di essere più veloce del francese, portando per ben due volte la scuderia in Q2.

Chiaramente sapevo bene a che altezza dello schieramento mi sarei trovato quando ho accettato di venire qui alla Caterham. Per noi l’obiettivo principale ora è terminare il campionato davanti alla Marussia, e abbiamo ancora otto gare per riuscirci.” ha dichiarato a sito internet Formula1.com “Sapere di essere uno dei 22 piloti che corrono in Formula per me è qualcosa di veramente speciale. E oltretutto sono anche uno dei pochi piloti olandesi ad essere arrivato fin qui. Ora devo solamente continuare a imparare a migliorare per poter afferrare al volo nuove possibilità al loro arrivo.

L’ultima gara prima della pausa, in Ungheria, è stata sicuramente la mia prestazione migliore. Come ho sempre detto dall’inizio della stagione, le prime gare sarebbero state per me una palestra per imparare quanto più possibile sulle Formula 1, e una volta trovato questo feeling, sarei stato in grado di mostrare ciò che sono in grado di fare. E in Ungheria sono riuscito a battere il mio compagno di squadra e i miei più diretti avversari.

Il fatto che tutto questo sia successo in Ungheria mi ha permesso di affrontare in modo sereno in mese di Agosto. Durante la pausa estiva mi sono tenuto in allenamento con il mio fisioterapista in Spagna, poi mi sono concesso una breve vacanza al mare in Italia. E tornato in pista a Spa mi sono qualificato 14°! La gara è stata faticosa ma ho provato una bellissima sensazione.

In generale sono soddisfatto di come sta andando la stagione; sicuramente ci sono stati alcuni momenti difficili, ma mi sono servito di queste situazioni per migliorare ulteriormente. E, cosa più importante, non mi sono mai abbattuto, per fortuna sono una persona positiva. Continuo a crescere insieme alla squadra e siamo già arrivati per ben due volte in Q2 a Monaco e in Ungheria. Una bellissima sensazione, e spero di potermi ripetere ancora da qui alla fine dell’anno."

"I momenti migliori in questa stagione sono stati le qualifiche a Monaco e in Belgio e la gara in Ungheria. A Spa e nel Principato i tecnici si sono fidati del mio istinto e mi hanno mandato in pista con le slick. È bello per un pilota sapere che al box hanno fiducia in te. In Ungheria la macchina è stata fantastica e io sono riuscito per la prima volta a spingere dall’inizio alla fine. In Canada, invece, ho commesso un grave errore, per il quale mi sono subito scusato e di cui ho cercato di fare tesoro.

Condividi

Nessun commento

Prendi parte alla discussione

I tuoi dati sono al sicuroIl tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Anche gli altri dati non verranno divulgati a terzi.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.