Alessandro Secchi

SEVEN Un paio di scuse a Mattia Binotto?

Criticato a prescindere, oggi può tirare un sospiro di sollievo. di 26 marzo 2017, 10:20
Un paio di scuse a Mattia Binotto?

Sull'onda dell'entusiasmo per quanto successo un paio d'ore fa a Melbourne, c'è un uomo che più di Sebastian Vettel, Maurizio Arrivabene o chi altro vogliate elencare, merita almeno oggi un paio di scuse.

Si chiama Mattia Binotto ed è colui sul quale la maggior parte dei dubbi su questa Ferrari, quando ancora non aveva appoggiato le ruote a terra, si sono accumulati dal giorno in cui è stato nominato Direttore Tecnico al posto del partente James Allison, ovvero dalla fine del luglio scorso.

La fiducia nei suoi confronti, da parte di molti media, è stata ai minimi storici per quanto si possa ricordare dalle parti di Maranello. Il suo curriculum, colmo di competenze in ambito motori ma a secco per quanto riguarda un ruolo più alto, come appunto quello del DT, ha innescato una serie di previsioni e sensazioni negative sulle prospettive della stagione partita questa mattina di difficile ricordo.

E i dubbi, sia chiaro, li avevo anche io, sebbene già da prima della presentazione della SF70-H abbia richiamato quanto meno alla verifica su pista della nuova monoposto prima di fasciarsi la testa. Detto questo, a mesi di illazioni su una vettura già da rifare e preoccupazioni varie si sono contrapposti altrettanti mesi di rigoroso silenzio e lavoro, culminati con la vittoria di Vettel di questa mattina.

Ovvio, i facili entusiasmi valgono tanto quanto i facili disfattismi, ma credo che Binotto meriti quanto meno un paio di scuse per la non fiducia che da tantissime parti è piovuta sulla sua testa, senza nemmeno dargli una chance. Sotto la sua direzione è nata una vettura solida che, a Melbourne, ha vinto mostrando di averne di più della Mercedes sul passo gara. Era da tempo che non vedevo una vettura seguirne un'altra a distanza ravvicinata per diversi giri senza distruggere le gomme.

È evidente che il risultato di oggi non deve far gridare a giochi già decisi. Ma che questo inizio sia positivo, e molto, va riconosciuto. Poi mancano 19 gare e, soprattutto, i famosi sviluppi che quest'anno saranno fondamentali per tenere il passo. Ma, almeno per quanto visto stamattina, Binotto potrà tirare un piccolo, grande, sospiro di sollievo.

Iscriviti al nostro Gruppo Facebook per commentare questo e gli altri nostri articoli