Stefano Domenicali:

Stefano Domenicali: "Abbiamo problemi ovunque"

di 02 Aprile 2014, 23:09

Stefano Domenicali ammette che in Ferrari non ci sono illusioni: c'è ancora molto da fare, prima di dare a Fernando Alonso e a Kimi Raikkonen una monoposto in grado di vincere una gara nel 2014.

La Ferrari sembra aver fatto passi in avanti in Malesia, ma Alonso non è mai stato in grado di intimorire Sebastian Vettel, che durante la gara è stato a lungo in terza posizione. Il team non ha comunque grandi aspettative per il Bahrain e non prevede miglioramenti significativi. Domenicali sa bene che i problemi della Ferrari sono profondi, rispetto a quelli della Mercedes.

"Abbiamo problemi ovunque" ha detto, quando gli è stato domandato dove fossero i problemi della F14 T "Non credo che sistemandone uno, si sistemino tutti - abbiamo da lavorare per ottenere una monoposto più efficiente; dobbiamo lavorare per avere un motore migliore; dobbiamo lavorare per sfruttare in maniera equilibrata motore elettrico e motore tradizionale. Dobbiamo lavorare ovunque! Dopo i test, ci è parso subito chiaro che la Mercedes fosse avanti - e se continuerà a mantenere questo ritmo, sarà difficile raggiungerla".

"La mia unica preoccupazione - o direi forse più aspetto sul quale dobbiamo concentrarci di più - è di assicurarci di dare a Fernando e Kimi la miglior monoposto possibile. Questo è il bisogno urgente e questo deve accadere il più in fretta possibile. Fernando ha dimostrato di essere subito veloce. Kimi necessita di più tempo per capire la monoposto, ma ci sta arrivando. So che i piloti non saranno un problema".

Domenicali sa bene che la Ferrari ha più difficoltà rispetto ai motori Renault e Mercedes, dato che queste due produttrici di motori sono supportate dalle due grandi case automobilistiche, supporto che la Ferrari non ha: "Certo, sapevamo che per noi fosse più difficile. Ma è la bellezza della sfida. Dobbiamo lottare per continuare ad andare avanti. Amiamo le sfide, le sfide hanno sempre fatto parte della natura della Ferrari".

 


Condividi