ALTRI MOTORI Sollievo Floersch: operazione a buon fine, Sophia muove gli arti

Arrivata la notizia più bella: la frattura alla vertebra C7 non ha lesionato il midollo
Sollievo Floersch: operazione a buon fine, Sophia muove gli arti
di 20 novembre 2018, 08:00

Si può finalmente tirare un sospiro di sollievo: Sophia Floersch ha superato brillantemente l'intervento alla quale è stata sottoposta dopo il tremendo schianto del GP di Macao di domenica.

Dopo undici ore sotto i ferri (inizialmente erano state comunicate sette), giustificate dall'assoluta volontà di procedere con calma da parte dell'equipe medica, si può scongiurare qualsiasi rischio di paralisi. La frattura alla vertebra C7 rimediata nell'impatto non ha, infatti, intaccato il midollo e Sophia muove gli arti. Considerata la violenza dell'incidente il rischio maggiore era infatti quello che la ragazza tedesca avesse subito danni ingenti alla colonna vertebrale. Non solo questa possibilità è stata scongiurata ma si guarda già al futuro. 

Frits Van Amersfoort, proprietario dell'omonimo team per cui corre Sophia, ha rassicurato tutti sulle condizioni di Sophia e, addirittura, sulle possibilità che possa tornare a correre:

"La paralisi era la paura maggiore. Questo è il motivo per cui l'operazione è stata eseguita subito, perché c'era il pericolo che il midollo potesse essere danneggiato. Siamo estremamente felici che sia andato tutto benissimo. Non c'è alcun rischio di paralisi. Sono abbastanza sicuro che Sophia tornerà a correre, con i dovuti tempi. Per fortuna ora inizia l'inverno e Sophia avrà tempo per recuperare, ma sono convinto che tornerà."

Passiamo ora alle altre persone coinvolte nell'incidente. Sho Tsuboi, il pilota che, insieme al cordolo interno della curva Lisboa, ha fatto da trampolino alla monoposto della Floersch, è stato dimesso dall'ospedale insieme al fotografo Hiroyuki Minami. Restano in osservazione, invece, l'altro fotografo Chan Weng Wang, ferito al fegato, oltre al commissario Chan Cha, che ha riportato la frattura della mandibola e diversi tagli. Entrambi, comunque, dovrebbero essere dimessi nei prossimi giorni.

Non c'è dubbio che il bilancio di quanto successo a Macao va oltre ogni rosea aspettativa.

Condividi

Nessun commento

Prendi parte alla discussione

I tuoi dati sono al sicuroIl tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Anche gli altri dati non verranno divulgati a terzi.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.