Andrea Ettori

CAMONJENSON Silverstone, 6 marzo 2009: dove tutto ebbe inizio...

Dieci anni fa la Brawn GP scese in pista per la prima volta, il resto è storia
Silverstone, 6 marzo 2009: dove tutto ebbe inizio...
di 06 Marzo 2019, 09:00

"Il bianco e il nero riflettono la nostra semplicità, con un tocco di giallo fluorescente che la rende unica". Con queste parole, datate 6 marzo 2009, Ross Brawn dà il via all'avventura della Brawn GP sul circuito di Silverstone. Mentre tutte le altre squadre hanno già accumulato diverse migliaia di chilometri nei test invernali, la BGP 001 guidata da Jenson Button e spinta da un V8 Mercedes pagato sette milioni di sterline scende in pista per il primo collaudo.

Nessuno può immaginare, vedendo le immagini di quella vettura così "neutra" e con una storia difficile alle spalle, complice il fallimento della Honda, quello che succederà sette mesi dopo, con Jenson Button campione del mondo e il titolo costruttori vinto grazie anche allo straordinario contributo di Rubens Barrichello. Tuttavia quel collaudo, passato in sordina ai più, strappa un sorriso ai ragazzi del team e soprattutto a Jenson e Rubens (presente ai box), che nonostante i pochi chilometri percorsi capiscono di avere tra le mani qualcosa di speciale.

Pochi giorni dopo, durante gli ultimi test di Barcellona prima dell'inizio del mondiale, quelle sensazioni diventano reali con i "temponi" realizzati da Button e Barrichello. che spaventano la concorrenza stupefatta dalle prestazioni di quella macchina così semplice. "Girano scarichi di carburante per cercare sponsor", dicono i giornalisti ben informati in pista. Qualche giorno dopo a Melborune, al debutto in F1, la Brawn GP scrive una delle pagine più incredibili della storia della F1, dominando la gara con una doppietta storica. Il resto è storia.

Tanti auguri, cara Brawn GP.

Condividi

Nessun commento

Prendi parte alla discussione

I tuoi dati sono al sicuroIl tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Anche gli altri dati non verranno divulgati a terzi.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.