SBK Laverty con Ducati GoEleven, Delbianco terzo pilota del team Althea

L’irlandese sostituirà Ramos nel team di Ramello. Accordo Althea-Honda per schierare l’italiano
SBK | Laverty con Ducati GoEleven, Delbianco terzo pilota del team Althea
di 24 novembre 2018, 19:33

Alla fine Eugene Laverty è riuscito a ritagliarsi un posto al sole per la stagione 2019 del mondiale Superbike. E si tratta di un posto di tutto rispetto perché guiderà una Ducati Panigale V4, nella versione clienti che sarà gestita dal team GoEleven di Gianni Ramello. La notizia è un'ulteriore boccata d’ossigeno per il campionato che nelle ultime settimane, tra gli arrivi ufficiali di BMW e Honda e la presentazione del calendario, sta vedendo risalire le proprie quotazioni. Il pilota di Toome sostituirà Román Ramos.

Queste le parole di Eugene: “Sono lieto di unirmi al Team GoEleven per guidare la nuova Ducati Panigale V4 R nel 2019! Le ultime cinque settimane sono state un periodo stressante, quindi è fantastico riuscire ad assicurarsi una sella competitiva! Il sostegno di Ducati è rassicurante e sono fiducioso che avremo un pacchetto per lottare per la vittoria nella prossima stagione. Grazie a Denis Sacchetti e a tutto il Team GoEleven per aver creduto in me!”.

Nominato da Laverty, anche Sacchetti in quanto team manager ha detto la sua: “Sono molto eccitato e contento, abbiamo lavorato duramente per questo progetto e alla fine ce l’abbiamo fatta! Ducati è il sogno italiano di ogni motociclista, ho visto la moto ed è bellissima! Dopo il primo test i piloti hanno espresso solo pareri positivi. Laverty è un pilota fortissimo che io ammiro e stimo molto. Per me è un onore e una grande fortuna poter lavorare con lui, penso che quest’anno avremo molto da imparare e da divertirci. Con Eugene ho trovato subito l’intesa, le intenzioni sono comuni, ho sentito in lui la voglia e le motivazioni giuste per accettare una sfida così importante. Non vedo l’ora di iniziare!”.

Laverty non è stato l’unico tra gli ultimissimi movimenti del mercato del campionato delle derivate di serie. Anche Alessandro Delbianco, ex-pilota Superstock 1000 classificatosi settimo nel 2018, farà la sua comparsa nella categoria massima. Come nella Stock, a dargli supporto saranno Genesio Bevilacqua e il team Althea Racing, che come ben sappiamo unirà le proprie forze con HRC e Moriwaki dalla stagione ventura; grazie a un accordo con la Casa nipponica, sarà schierata una terza Fireblade dal team italiano, ma gestita solo dal team Althea MIE Racing, un team a sé stante che non godrà di supporto dalla Casa madre.

Il ventunenne si è detto entusiasta dell’annuncio: “Partecipare al Campionato Mondiale Superbike 2019 e competere con i più grandi rappresentanti di questa categoria è un sogno d’infanzia che si realizza. Sicuramente non significa aver raggiunto un traguardo, anzi. È un punto di partenza. Sono davvero felice di continuare il mio percorso con Genesio e con il team Althea Racing. Voglio anche ringraziare Moriwaki che mi permetterà di guidare la fantastica Honda CBR1000 RR SP2 con cui lotterò dando il massimo. Non vedo l’ora di cominciare!”.

Bevilacqua l’ha seguito a ruota: “Sono estremamente felice di aver raggiunto un altro obiettivo nel mio percorso personale e di squadra nello splendido mondo della Superbike. Delbianco racchiude l’essenza dell’ambizione, mia e del team, di portare giovani piloti italiani nel Campionato Mondiale Superbike. Alessandro è giovane e dovrà imparare molto, ma sicuramente è pieno di passione e capacità per sorprenderci tutti. Ringrazio Midori Moriwaki per la collaborazione in questo progetto ambizioso, così come i tecnici della squadra e gli ingegneri, che stanno lavorando sodo per darci delle moto performanti che permetteranno ad Alessandro di esprimersi al meglio”.

Fonte immagine: worldsbk.com

Condividi

Nessun commento

Prendi parte alla discussione

I tuoi dati sono al sicuroIl tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Anche gli altri dati non verranno divulgati a terzi.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.