SBK | GP Thailandia: la bandiera rossa ferma la SP Race, Bautista si prende i 12 punti

SBK
GP Thailandia: la bandiera rossa ferma la SP Race, Bautista si prende i 12 punti

Incidente tra Camier e Warokhorn al settimo giro, stesso podio di gara-1 di 17 Marzo 2019, 07:51

Nonostante un’interruzione dovuta alla bandiera rossa uscita al settimo giro, per la quinta gara di fila la prima posizione è andata comunque ad Álvaro Bautista, vincitore della seconda gara Sprint della storia. Nessuno sconto dello spagnolo sugli avversari, tra cui il principale che, anche oggi, è stato il campione del mondo Jonathan Rea. Stesso podio di quello visto ieri mattina in gara-1 per questa SP Race, con Alex Lowes a chiudere in terza posizione, davanti al compagno van der Mark.

LA CRONACA

Manca sullo schieramento la Ducati privata di Eugene Laverty e del team GoEleven, incapace di riparare i danni fatti ieri dopo lo schianto dell’irlandese all’ultima curva, causata dal malfunzionamento dei freni. La casella 8 dello schieramento rimane quindi vuota.

Il migliore allo scatto è Jonathan Rea che riesce ad affiancare e superare la Ducati di Bautista in curva 1, la quale però si rifà in accelerazione sul lungo rettilineo che porta alla 3; quasi in un replay di ieri, il campione del mondo s’infila in maniera cattiva all’interno, costringendo Bautista ad allargare e perdere la testa della gara, che però riottiene immediatamente di puro motore. Gran partenza di Melandri che si mette quarto davanti ad Haslam, mentre scatta male Davies scendendo in 12a posizione. Già al primo giro si ritira Kiyonari su Honda.

Dietro Haslam ci sono anche van der Mark e Razgatlioğlu, partiti nettamente meglio rispetto alla prima manche. L’italiano e l’inglese ripropongono il duello visto ieri, con un incrocio in curva 3 di Melandri che poi è risucchiato dal motore Kawasaki, che permette al #91 di piazzarsi quarto. Anche van der Mark sulla R1 gemella a quella di Marco passa il ravennate, mentre Lowes tiene bene la coda dei due leader nei primi due passaggi.

Melandri riesce a ripassare l’olandese in accelerazione all’uscita della 3, dimostrandosi ancora coriaceo. Nello stesso giro però due lunghi nella parte mista lo fanno scende in settima posizione, anche alle spalle del compagno di squadra Sandro Cortese. Alle spalle di questo gruppetto ci sono Razgatlioğlu e Davies, col gallese che mostra segni di risveglio e sorpassa il turco approfittando di un leggero largo alla 12.

Mentre Bautista guadagna un secondo pieno su Johnny, la battaglia per il quarto posto s’infiamma, con van der Mark che supera un Haslam in sofferenza a metà di questa gara Sprint; anche Melandri sembrerebbe in grado d’impensierire l’inglese, ma la bandiera rossa congela le posizioni finali. Essa è stata causata da un contatto tra Leon Camier su Honda e la wildcard Warokorn alla curva 3, in uscita dal tornante.

Bautista viene così dichiarato vincitore davanti agli stessi inseguitori di ieri, e guadagnando un’altra volta i 12 punti. La griglia di partenza della gara delle 10:00 vedrà, oltre alla stessa prima fila di questa mattina, van der Mark, Haslam e Melandri in seconda e Cortese, Davies e Razgatlioğlu in terza. Sykes, come a Phillip Island, fuori dalla top nine in questa nuova sessione.

Qui i risultati della gara Sprint, la classifica del campionato e la griglia di partenza per gara-2.

Fonte immagine: worldsbk.com

Condividi