SBK | GP Olanda 2019, sintesi del warm-up e update sul palinsesto

SBK
GP Olanda 2019, sintesi del warm-up e update sul palinsesto

Bautista davanti a Rea nelle ultime prove. Gara-1 al posto della SP Race di 14 Aprile 2019, 09:50

Nella speranza che la domenica sia più clemente del sabato in termini di meteo, la mattinata di Assen è partita col warm-up della categoria maggiore. A svettare su tutti il poleman Álvaro Bautista su Ducati, col tempo di 1:35.416, circa sette decimi più alto rispetto a quello fatto in Superpole. Nonostante questo buon risultato, la sensazione è che la V4 R, pur con lo spagnolo in sella, non abbia tutte le carte in regola per essere la favorita numero uno; saranno quindi compiti di Bautista far fruttare la sua pole position e rimanere nel gruppo di testa.

Situazione opposta per Jonathan Rea, secondo a un decimo scarso dal leader della classifica iridata. Il nordirlandese ha fatto il suo nei pochi minuti di warm-up disponibili, facendo un ritmo sul ’35 e mezzo che potrebbe essere il suo passo per le gare di oggi. Recuperare dall’ottava posizione su questa pista, anche per uno come lui, non sarà così semplice considerando anche il livello dei piloti che gli partono davanti, tra cui il compagno Haslam; “Pocket Rocket” è quarto nella sessione di riscaldamento a quattro decimi da Bautista, preceduto anche dalla BMW di Sykes.

Yamaha all’inseguimento in mattinata, con la coppia Crescent Lowes-van der Mark che occupa la quinta e sesta posizione. La mattinata è iniziata un po’ in sordina per la squadra che dovrebbe essere tra i favoriti di oggi, ma considerando le buone posizioni di schieramento, anche le R1 hanno buone chance di giocarsi le vittorie. In risalita Marco Melandri che, forse grazie al freddo, è riuscito a rientrare in top ten, seppur con un distacco dal migliore di 1.5 secondi e dalle Yamaha ufficiali di oltre un secondo.

Male le altre Ducati, tutte dalla 14a posizione in giù e comandate da Chaz Davies, il cui distacco dal compagno ammonta a un secondo e otto decimi, pari a un abisso qui al TT di Assen; lo seguono Rinaldi in 15a e Laverty addirittura in 17a, intervallati da Barberá sulla Kawasaki privata Orelac VerdNatura.

C’è stato un aggiornamento, come previsto, al palinsesto di gare alla domenica, se vogliamo in parte inaspettato perché si è preferito optare per la cancellazione della manche Sprint e di salvaguardare la manche canonica, persa ieri a causa delle condizioni meteo. Per cui alle 11:00 scatterà gara-1, seguita poi dalla Supersport 600 e infine da gara-2 alle 14:00, un po’ quel che succedeva anni fa prima dello spostamento di una manche al sabato.

Qui i risultati e l’analisi dei tempi del warm-up.

Fonte immagine: Twitter / Aruba.it Racing

Condividi