SBK | GP Olanda 2019 - Anteprima

SBK
GP Olanda 2019 - Anteprima

Ad Assen continuerà la cavalcata di Bautista o inizierà la riscossa di Jonathan Rea? di 10 Aprile 2019, 15:22

E’ già tempo dell’appuntamento più importante per la stagione della SBK, il Gran Premio d’Olanda nell’Università della Moto, l’Assen TT Circuit. Per quanto sia cambiato negli ultimi anni perdendo parte del fascino e delle difficoltà che dava ai piloti in gara, per via dei tratti veloci che erano affiancati da semplice e infida erba, il round olandese per i campionati di due ruote rimane ancora oggi una delle Gare con la G maiuscola, con una conformazione capace ancora di regalare al pubblico round piene di suspense.

L’atmosfera che si respira per questo Gran Premio fa capire come questa sia la prova del nove per Álvaro Bautista e la squadra Ducati. Non tanto sul piano della competitività, poiché dopo nove vittorie su nove manche non c’è bisogno di farsi domande in merito, quanto su come potrebbe reagire la nuova Ducati su una pista in cui il marchio bolognese non vince da addirittura sette anni (l’ultimo successo di una Ducati è del 2012, con Sylvain Guintoli su una 1098 privata). In ogni caso, a meno di cataclismi il vantaggio dello spagnolo è al sicuro per guidare la classifica fino a Imola. Sarà la prova decisiva anche per Chaz Davies, finalmente tornato in battaglia per le posizioni che contano ad Aragón, ma dovrà dimostrare di aver trovato la quadra di questa V4 anche su una pista molto meno amica. C’è da considerare anche l’eventuale diminuzione di 250 giri/minuto sulle Panigale, essendo arrivati al quarto round del campionato con un grosso margine nelle classifiche piloti e costruttori.

Sul calendario di Jonathan Rea la data del 14 aprile è probabilmente cerchiata in rosso. Assen rappresenta una delle piste più amiche del nordirlandese, e la prima vera chance di poter impensierire, sulla carta, Bautista e la Ducati dopo un inizio di mondiale a senso unico. C’è da dire che Johnny, eccezion fatta per il decimo posto nelle qualifiche di Aragón, finora non ha commesso nemmeno un errore portando sempre a casa il risultato migliore possibile, e l’anno scorso il suo vantaggio in classifica ha cominciato a crescere proprio dalla gara nei Paesi Bassi. Dodici le vittorie di Rea qui, al pari di Fogarty, l’ultima ottenuta in gara-1 lo scorso anno. Bisognerà fare attenzione anche a Leon Haslam, che ha corso qui anche negli anni passati nel campionato inglese.

La Yamaha è chiamata a una risposta convincente. Eccezion fatta per Alex Lowes, autore di un terzo, un quarto e un quinto posto nelle tre manche in Spagna, il calvario della R1 è stato evidente, soprattutto nella gestione degli pneumatici per gli ultimi passaggi. L’unica scossa positiva, oltre ai risultati fatti da Lowes, è arrivata da Sandro Cortese, che nella Superpole spagnola si è classificato secondo prima di sprofondare nelle tre manche tra sabato e domenica. Chi ha avuto il weekend più difficile è stato sicuramente Marco Melandri, su una pista nella quale poteva essere il faro della Casa dei Tre Diapason e che invece l’ha visto sempre fuori dalla top ten nelle tre gare. Il ravennate, Cortese e soprattutto van der Mark che gioca in casa sono chiamati a fare un buon risultato davanti al pubblico di Assen.

Un altro weekend tra luci e ombre per il team BMW Motorrad, specie con Tom Sykes. L’inglese ha stupito in gara-1 ottenendo un quinto posto in rimonta sulle Yamaha e dimostrando come con questa moto il suo tallone d’Achille, la gestione delle Pirelli, non sia più un problema. Dopo un'altra buona gara nella Sprint Race, gara-2 è finita solo con un 12° posto, a riprova invece di come la nuova S1000RR soffra ancora parecchio a causa del deficit di motore. Anche se sono state applicate delle modifiche aerodinamiche, come la presa d’aria in fibra di carbonio, il vero step successivo per il propulsore sarà solo a Imola, ma qui ad Assen, dove la potenza conta meno, l’inglese (ultimo vincitore qui) potrebbe pure tentare il colpaccio. Meno fortunato Reiterberger al Motorland, vittima anche di noie al motore in gara-1.

Rimane la Honda, la quale dovrebbe ricevere un aumento nei giri motore per cercare di avvicinarsi alle avversarie, cosa comunque improbabile considerando i distacchi abissali presi ad Aragón con Camier a 35 secondi dal leader in gara-2 e Kiyonari e Delbianco a oltre un minuto. Sarà una strada lunga e faticosa per HRC, Moriwaki e Althea per portare la Fireblade nelle posizioni che contano.

Saranno presenti anche Supersport 600 e 300 ad arricchire il weekend. Randy Krummenacher, nella 600, ha riconquistato la testa del mondiale dopo una gara condotta "di testa", nella quale ha battuto in volata Raffaele De Rosa (su MV) e Federico Caricasulo, per la terza volta consecutiva sul gradino più basso del podio. Il classico gruppone infernale della 300 ha visto invece prevalere il giovane Gonzalez davanti al pubblico di casa, dopo aver ottenuto la pole position del sabato, mentre sono finiti fuori gara due dei papabili favoriti per il campionato, Ana Carrasco e Galang Hendra Pratama.

In puro stile Assen, le basse temperature dovrebbero farla da padrone, ma secondo le previsioni il rischio di pioggia è minimo. Gli orari saranno gli stessi della gara di Aragón, come il programma televisivo delle reti che trasmetteranno la SBK: TV8 e Sky copriranno in diretta le manche canoniche, mentre solo la rete satellitare avrà Superpole e SP Race in tempo reale. Eurosport trasmetterà in diretta gara-1, gara Sprint e gara-2, oltre alla Supersport 600. L'unica nota negativa è la tolta assenza della copertura per la SSP300, a causa della concomitanza con il weekend del Motomondiale in America.

INFO TRACCIATO

track

Lunghezza tracciato: 4.542 m
Rettilineo principale: 300 m
Curve: 18 (6 a sinistra, 12 a destra)
Senso: orario
Record della pista: 1:33.505 (Jonathan Rea, Kawasaki, 2017)

ALBO D’ORO

ORARI TELEVISIVI

Venerdì 12 aprile 2019

10:30 - FP1 SBK (Sky Sport)
15:00 - FP2 SBK (Sky Sport)

Sabato 13 aprile 2019

11:00 - Superpole SBK (Sky Sport)
11:40 - Superpole SSP600 (Sky Sport)
12:20 - Superpole A SSP300 (Sky Sport)
12:50 - Superpole B SSP300 (Sky Sport)
14:00 - Gara-1 SBK (Sky Sport, TV8, Eurosport)
17:30 - Replica Gara-1 SBK (Eurosport)

Domenica 14 aprile 2019

11:00 - Gara SP SBK (Sky Sport, Eurosport)
12:30 - Gara SSP600 (Sky Sport, Eurosport)
13:00 - Replica Gara SP SBK (TV8)
14:00 - Gara-2 SBK (Sky Sport, TV8, Eurosport)
17:30 - Replica Gara-2 SBK (Eurosport)
20:00 - Replica Gara SSP600 (Eurosport)

Fonte immagine: worldsbk.com

Condividi