Alessandro Secchi

SEVEN Questione di olio

Il regolamento cambia ancora in corsa. Altra usanza a cui va posto un freno
Questione di olio
di 31 agosto 2017, 22:00

C'è una brutta usanza che gira tra i corridoi della FIA, ovvero giocare col regolamento in corso d'opera. 

Ovviamente il fatto che in mezzo alla questione olio ci siano Mercedes e Ferrari ha acceso polemiche di ogni tipo sui presunti favoritismi verso la prima dopo quanto successo a Spa, con le W08 equipaggiate con la quarta unità dell'anno; questo in modo tale da non dover sottostare al limite di 0,9 l/100km che partirà, appunto, per le PU omologate da Monza e poter continuare ad avere il limite fissato a 1,2 l/100km. 

Ora: sulla scelta Mercedes, personalmente, nulla da dire. Inutile prendersela per una presunta ladrata. L'avesse fatto la Ferrari, si farebbero i complimenti alla Rossa. Semplicemente, a Brackley sono stati smart a sfruttare il regolamento, così come tutti coloro i quali in passato sono stati abili a lavorare borderline. Tra l'altro, questo significa che probabilmente Mercedes abbia anticipato l'introduzione della sua quarta PU per sfruttare il piccolo vantaggio e boh... magari più avanti potrebbe pagarne qualche conseguenza in termini di affidabilità.

Detto questo, comunque, si tratta dell'ennesimo cambio in corsa della FIA, tra l'altro durante un campionato che vede in lotta due team per il titolo mondiale. E questo è uno dei vizietti che andrebbero eliminati dalla storia della F1.

Questo sistema è irritante, solleva polemiche inutili e rischia di cambiare gli equilibri in corsa, penalizzando chi ha lavorato bene fino ad un certo punto del campionato per avvantaggiare qualcun'altro. Se si riscontra un problema, a meno che questo non vada a diminuire gli standard di sicurezza, è sufficiente imporre un cambio a partire dalla stagione successiva, ovviamente avvisando con largo anticipo i team.

Così è una pagliacciata, lasciatemelo dire. Il dito non va puntato contro chi si attrezza per avvantaggiarsi il più possibile restando nelle regole, ma contro chi le regole le cambia tra una gara e l'altra. Ora non resta che vedere cosa succederà da qui in avanti. Ma, per dire, da adesso in poi le vittorie Mercedes si porteranno dietro una scia di "Eh, ma loro usano olio in più" e via dicendo.

Certo, non si scopre l'acqua calda, ma visto il cambio di proprietà confido nel fatto che anche abitudini fastidiose come questa possano terminare per la tranquillità di tutti.

Condividi

Nessun commento

Prendi parte alla discussione

I tuoi dati sono al sicuroIl tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Anche gli altri dati non verranno divulgati a terzi.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.