Previsto per il 1° marzo l'inizio dei test per la stagione 2016

di 26 giugno 2015, 12:00 Condividi
Previsto per il 1° marzo l'inizio dei test per la stagione 2016

Nelle scorse settimane alcune indiscrezioni avevano lanciato l'ipotesi di un possibile avvio posticipato alla stagione 2016 di Formula 1, con la prima gara del mondiale che si sarebbe disputata solamente ad inizio aprile; stando a quanto riporta Auto Motor und Sport, tali voci sembrano ora trovare conferma in base ad un accordo, raggiunto dalle squadre, in base al quale i test invernali inizieranno solamente il 1° di marzo, un mese più tardi rispetto a quanto fatto quest'anno.

Questo slittamento in avanti dei test invernali è una diretta conseguenza della volontà di Ecclestone e delle squadre di avere un campionato più "concentrato" rispetto a quello degli ultimi anni, con meno pause durante la stagione. In sostanza, l'obiettivo è evitare che si ripeta una situazione simile a quella di quest'anno, quando tra i GP di Gran Bretagna e del Belgio ci saranno sette settimane di vuoto spezzate da un solo Gran Premio, quello d'Ungheria a fine luglio.

Sempre stando a quanto riporta AMuS, un'altra novità per la prossima stagione riguarda il numero di sessioni di test, che scenderà da tre a due; entrambe le sessioni si svolgeranno a Barcellona ed entrambe dureranno 4 giorni: la prima si disputerà dal 1° al 4 marzo, la seconda dal 15 al 18 marzo. Rispetto a quest'anno si perderanno quindi i 4 giorni di test di Jerez.

Il lungo inverno 2015-2016 dovrebbe essere interrotto da due ulteriori sessioni di prove dedicate allo sviluppo delle gomme Pirelli per il 2016. La Casa italiana vorrebbe aumentare il numero di mescole da asciutto disponibili portandole da quattro a sei, ma per far questo è necessario svolgere dei test che assicurino la bontà e la sicurezza delle mescole.

Secondo AMuS, Pirelli vorrebbe svolgere una settimana di test con due vetture in una pista dal clima caldo, come ad esempio quella di Sakhir in Bahrain: una delle due macchine verrebbe messa a disposizione da un top team, l'altra da una squadra di centro classifica; la prima si dovrà accollare le proprie spese legate alla logistica, mentre per la seconda tutte le spese verranno pagate dalla stessa Pirelli.

Il test verrebbe condotto dalla Pirelli, che curerà personalmente l'assetto delle vetture oltre ovviamente alle mescole utilizzate di volta in volta; tutti i dati raccolti verranno poi diffusi alle varie squadre per fare in modo che, nei limiti del possibile, nessuno tragga un vantaggio rispetto agli altri.

In aggiunta a questo, Pirelli avrebbe richiesto alla Federazione di disputare un test per lo sviluppo delle nuove gomme da bagnato; la sede scelta sarebbe quella del circuito del Paul Ricard a Le Castellet, nel sud della Francia, dove si dovrebbe disputare un giorno di prove nel febbraio del 2016 sulla pista appositamente irrigata.

Nessun commento

Prendi parte alla discussione

I tuoi dati sono al sicuroIl tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Anche gli altri dati non verranno divulgati a terzi.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.