MXGP Le parole di Marvin Musquin dopo l'esclusione dal team francese per il Nazioni

Il francese ha voluto far sapere a tutti il proprio pensiero
MXGP | Le parole di Marvin Musquin dopo l'esclusione dal team francese per il Nazioni
di 09 agosto 2018, 16:00

Nella giornata di ieri è stata svelata la formazione con cui la Francia cercherà di difendere il titolo al Nazioni 2018, che si correrà sul tracciato di Red Bud negli USA.

Romain Febvre, Gautier Paulin e Dylan Ferrandis sono stati scelti per partecipare all'evento e tra gli appassionati, ma non solo, è parsa piuttosto discutibile la scelta di non inserire nella formazione quello che attualmente è il pilota francese di motocross più forte al mondo, Marvin Musquin.

La risposta del francese a questa clamorosa occasione non si è fatta attendere e, tramite il suo account Facebook, Marvin ha parlato piuttosto chiaramente.

"Ciao a tutti, come avrete già sentito oggi dalla Federazione francese, ho avuto il dispiacere di non essere stato scelto per il team del Motocross delle Nazioni. Penso che ora sia importante per me dire qualcosa a riguardo di Jacques Bolle, presidente della Federazione Francese, e delle ragioni che hanno spinto a formare questa squadra!", dice il due volte campione del mondo MX2.

"Prima di tutto, la motivazione. L’allenatore è venuto in America a Red Bud e ha parlato con me per essere sicuro che io fossi motivato e disponibile per correre il Nazioni. Ho confermato di essere motivato al 100% e che essere compagno di squadra di Dylan Ferrandis sarebbe stato fantastico. Inoltre, quale più grande motivazione ci sarebbe stata per me, se non quella di correre davanti ad un pubblico mondiale qui negli USA, su un tracciato dove avevo appena vinto? Se questa non è una motivazione sufficiente, allora non so quale avrei dovuto dare".

Poi prosegue: "Jacques Bolle ha parlato pure dell’importanza, per un pilota, di essere in buona salute e di essere competitivo in questo periodo dell’anno. Seriamente, cosa posso dire riguardo a questo? I miei risultati parlano da soli. Ho finito secondo nel Supercross quest’anno e sono attualmente in lotta per il National con tre gare rimaste! Ho vinto a Red Bud quest'anno e ho corso a Red Bud negli ultimi otto anni. Farò risparmiare tempo a tutti e non entrerò nei dettagli della pianificazione e dela logistica che erano già in programma per far parte di quella gara da parte mia, della mia squadra Red Bull KTM, di KTM Factory, dei miei sponsor e del resto della mio staff".

Infine: "Per me è triste essere di nuovo sottovalutato, soprattutto considerando che la gara sarà qui negli USA, dove ho gareggiato quasi ogni fine settimana per gli ultimi otto anni e contro molti top rider che, sono sicuro, saranno selezionati nella squadra di casa degli Stati Uniti. Ma voglio davvero ringraziare tutti coloro che mi hanno sostenuto e continuano a sostenermi, e ringraziare tutti i francesi, gli americani e tutti gli altri fan che hanno dimostrato il loro sostegno per me dopo questo annuncio. Significa molto per me”.

Parole dure e dirette da parte del campione francese, che sicuramente ha voluto far capire a tutti quali sono i suoi pensieri dopo questa clamorosa esclusione.

Condividi

Nessun commento

Prendi parte alla discussione

I tuoi dati sono al sicuroIl tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Anche gli altri dati non verranno divulgati a terzi.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.