MOTOMONDIALE GP Valencia, riassunto prove libere

Sul bagnato Petrucci al comando, in Q1 le Yamaha ufficiali, Iannone e Lorenzo
Motomondiale | GP Valencia, riassunto prove libere
di 17 novembre 2018, 12:21

Dopo l’acquazzone che ha investito la pista di Valencia venerdì pomeriggio, le condizioni di questa mattina sono tornate a essere più “umane” per i protagonisti delle tre classi, che hanno comunque dovuto confrontarsi con la pioggia, vera protagonista di questo weekend. Ad approfittare di questi due giorni di rovesci è stato Danilo Petrucci, che da vero esperto delle condizioni di bagnato si è portato al comando della classifica dei tempi sia in FP2 che in FP3, quindi sia col bagnato estremo che con pioggia moderata.
Con queste premesse, e con le previsioni meteo che sembrano tutt’altro che favorevoli, Petrucci è potenzialmente tra i favoriti questa domenica, ma dovrà fare i conti col sempre costante Marc Márquez, primo nella FP1 e secondo nella combinata (seppur non abbia migliorato il tempo del venerdì mattina).

Lo spagnolo si ritrova in un vero e proprio panino bolognese, poiché, oltre “Petrux”, nelle prime quattro posizioni trova altre due Ducati, quelle di altri due specialisti dell’acqua come Andrea Dovizioso e Jack Miller. Al quinto posto la Yamaha di Johann Zarco staccata di quattro decimi ma in recupero rispetto alla giornata di venerdì, seguito da Daniel Pedrosa al sesto posto. Vedremo se domani il “Camomillo” riuscirà a regalarsi un’ultima soddisfazione in carriera.

Tornata la pioggia, ecco che scompaiono nuovamente le Yamaha. I problemi di trazione e stabilità della moto sulla pista bagnata del Ricardo Tormo si sono visti e sentiti, con Valentino Rossi anche caduto in curva 4 senza conseguenze; Viñales si è classificato 11° (beffato da un sorprendente Pirro per poco più di mezzo decimo), mentre Rossi è solo 14° nella combinata, dietro a un Andrea Iannone mai troppo contento di correre sul viscido. Grossa delusione anche Jorge Lorenzo (17°), l’unico tra le Ducati di primissima fascia a chiudere indietro, nonostante queste condizioni che avrebbero dovuto rendere meno difficoltose la sua guida, non essendo ancora al 100%.

Anche in Moto2 sono spuntati gli specialisti del bagnato, tra tutti Sam Lowes sulla KTM privata del team Swiss Innovative Investors, secondo e preceduto solo da Xavi Vierge sulla Kalex. Sull’acqua, per la prima volta dopo parecchio tempo, lo spagnolo ha fatto una discreta differenza sul compagno Marcel Schrotter (11°), mentre al terzo posto si è piazzato il runner-up del mondiale Miguel Oliveira. Quarto e quinto posto per Tuuli e Gardner che hanno preceduto Álex Márquez, mentre il neo-campione del mondo Pecco Bagnaia si è piazzato solo 17°, evitando qualsiasi tipo di rischio in vista dei test di martedì; caduta di Baldassarri all’ultimo tentativo di migliorare la sua nona posizione.

Col tempo di 1:49.406 Marco Bezzecchi si è assicurato il comando della terza prova libera di Valencia. Il buon risultato sull’acqua e i tre decimi di gap su Enea Bastianini, uniti alle previsioni che anticipano ulteriore pioggia per domani, sono buoni segnali per l’italiano per ottenere il quarto centro stagionale, ma una caduta in curva 14 durante il turno potrebbe aver tolto quel pizzico di confidenza fondamentale al #12. Tris azzurro nelle prime tre posizioni, con Arbolino vicino ai due connazionali. Solo 19°, e autore di pochi giri, il campione del mondo Jorge Martín, dietro al connazionale Canet.

Qui i risultati della FP3 MotoGP e la classifica combinata.

Fonte immagine: motogp.com

Condividi

Nessun commento

Prendi parte alla discussione

I tuoi dati sono al sicuroIl tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Anche gli altri dati non verranno divulgati a terzi.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.