MOTOMONDIALE GP Qatar, prove libere: a Dovizioso entrambe le sessioni, due Suzuki in top five

Il forlivese si fa valere ma i big sono tutti molto vicini. In Moto2 e Moto3 spagnoli e italiani all’attacco di 16 marzo 2018, 19:34 Condividi
Motomondiale | GP Qatar, prove libere: a Dovizioso entrambe le sessioni, due Suzuki in top five

Nella prima giornata, tra il pomeriggio e la tarda sera, è il nostro tricolore a guidare il gruppone della MotoGP, rappresentato da Andrea Dovizioso e dalla Ducati. Il forlivese punta al suo primo successo qatariano e lo dimostra con due sessioni concluse al comando e un tempo di riferimento di 1:54.361 staccato nella seconda mezz’ora.

Durante la prima sessione, con un asfalto più caldo ma meno adatto alla prestazione, è stato Valentino Rossi su Yamaha a seguire il proprio connazionale, con gli ex-piloti della Moto2 Marc Márquez e Andrea Iannone in terza e quarta posizione; col sopraggiungere della notte le due Ducati gemelle sono riaffiorate, piazzandosi in seconda e quarta posizione con Petrucci e Lorenzo (per quanto lo spagnolo non sia sembrato molto soddisfatto). I due ducatisti si sono alternati a Rins e a Iannone. Sul ritmo almeno quattro/cinque piloti sembrano in spolvero in previsione gara, per cui le attese riguardanti una gara combattuta potrebbero essere pienamente soddisfatte.

In Moto2 e Moto3 invece sono i latini a comandare, come l’anno scorso: nella classe di mezzo la FP1 è andata a Baldassarri, ora pilota per il team HP40 di Sito Pons, con la seconda frazione che ha visto al comando il fratellino di Marc Márquez, Álex, davanti al bentornato Sam Lowes sulla prima KTM e a Pecco Bagnaia; il torinese è parso il più in forma sul ritmo concludendo una sequenza di giri impressionante sul 2:01. KTM ufficiali più nascoste invece, con Oliveira sesto e Binder nono.

In Moto3 altra alternanza italo-spagnola al comando, con Bastianini prima leader ma poi battuto dal record di Jorge Martin in FP2, sempre su Honda ma del team Gresini. Al pomeriggio “la Bestia” del team Leopard ha girato con un tempo di 2:07.741 (appena nove millesimi meglio del primo inseguitore, Canet), mentre alla sera Martin ha migliorato questo riferimento di più di due secondi, grazie soprattutto alle temperature nettamente più fredde, segnando un 2:05.590 con cui ha staccato di sette decimi Niccolò Antonelli (ora tornato in sella a una Honda, ma del team di Paolo Simoncelli).

L’appuntamento ora è a domani alle ore 11:00, con l’inizio delle FP3 che sarà varato come al solito dalla classe leggera. Le Qualifiche cominceranno invece alle 14:35 italiane per la Moto3, seguite un’ora dopo dalla Moto2 e poi alle 17:10 dalla MotoGP (“intervallate” dalla FP4 della classe regina).

Qui le classifiche delle varie sessioni, FP1 comprese.

Fonte immagine: motogp.com

Nessun commento

Prendi parte alla discussione

I tuoi dati sono al sicuroIl tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Anche gli altri dati non verranno divulgati a terzi.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.