MOTOMONDIALE GP Giappone - Anteprima

di 12 ottobre 2016, 16:01 Condividi
Motomondiale | GP Giappone - Anteprima

Il trittico extraeuropeo del Motomondiale prende il via questo fine settimana da Motegi, con il Gran Premio del Giappone. Quattro round al termine di un campionato che ha già uno dei suoi vincitori in Brad Binder, il quale ha già chiuso i giochi della Moto3 in Aragona. Resta tutto aperto in MotoGP e, soprattutto, in Moto2, categoria in cui al momento è impossibile trovare un favorito tra i due contendenti.

La classe regina ha visto in Aragona il ritorno al successo di Marc Márquez dopo quattro gare di digiuno, nelle quali peraltro era giunto sul podio in una sola occasione, sull'asfalto umido di Brno. Il catalano ha dominato il weekend di Alcañiz compiendo un altro, importante passo verso il terzo titolo MotoGP, quinto assoluto.

52 punti separano il capoclassifica e Valentino Rossi. Nel caso in cui il catalano dovesse vincere domenica con Rossi non meglio di 15esimo, il campionato si chiuderebbe con tre gare d'anticipo. Storicamente, l'appuntamento con il Twin Ring non ha mai regalato molte soddisfazioni al pesarese, che qui ha vinto solo due volte, precisamente nel 2001 e in quel 2008 che gli diede l'ottavo iride proprio al termine della gara nipponica. Márquez, invece, a Motegi non ha mai vinto in MotoGP e proprio l'anno passato vi ha corso forse la sua gara più "spenta" in classe regina, con uno scialbo quarto posto mentre il compagno di squadra Pedrosa centrava una grande vittoria in rimonta.

Distante 14 lunghezze da Rossi c'è Jorge Lorenzo, che in Aragona è riuscito a precedere il compagno di squadra nelle fasi finali della gara. Il maiorchino, alle ultime battute da pilota Yamaha, vuole prendersi quantomeno la soddisfazione di essere anche il miglior pilota di Iwata a fine campionato, dopo un 2016 obiettivamente molto difficile. Qui a Motegi lo spagnolo, vincitore in tre occasioni, sembrava avere perso molte delle chance di titolo l'anno scorso, scivolando a -18 da Rossi con il terzo posto. Quello che accadde nelle tre corse successive è tuttavia ben noto.

Tornato alla vittoria a Misano, in un modo peraltro molto simile a quello con cui vinse in Giappone nel 2015, Daniel Pedrosa è atteso protagonista del finale di stagione, copione già visto nelle ultime stagioni dopo le difficoltà incontrate nelle gare europee, soprattutto a causa dei ripetuti problemi fisici del pilota catalano. Sulla pista di Motegi Pedrosa ha vinto cinque volte, la prima nel 2002 in 125cc, ma ha anche subìto uno dei suddetti infortuni gravi nel 2010, fatto questo che in pratica chiuse i giochi mondiali a favore di Jorge Lorenzo.

Tra gli outsider, non sarà ancora in gara Andrea Iannone, convalescente per l'infortunio di Misano. L'abruzzese ha annunciato però il suo ritorno per il Gran Premio d'Australia, quando la vertebra infortunata dovrebbe essersi completamente risaldata. In casa Ducati è arrivato l'ennesimo rifiuto di Casey Stoner, il quale ha nuovamente espresso la sua volontà di non gareggiare per sostituire Iannone: in pista ci sarà quindi una sola Desmosedici ufficiale, quella di Dovizioso, poiché Michele Pirro è impegnato nei collaudi della nuova GP17.

Come detto, analizzando le classifiche di campionato la categoria che suscita maggiore interesse in questo fine stagione è senz'altro la Moto2. Johann Zarco, che ormai non vede il podio dalla vittoria austriaca, ha perso tutto il vantaggio su Álex Rins il quale, nonostante abbia esaltato a fasi alterne in questo ultimo periodo, è riuscito a portarsi a -1 dal campione in carica. Proprio sulla pista dove l'anno scorso vinse il titolo, complice anche il kappaò tecnico di Rabat infortunato, Zarco è chiamato a rimettere le cose a posto.

Ma tanti sono i possibili aghi della bilancia. Tornato alla vittoria in Aragona, Sam Lowes ha ritrovato la fiducia mancata a causa delle tante cadute che nelle cinque precedenti gare lo avevano allontanato dalla corsa all'iride. Da tenere d'occhio anche Thomas Lüthi, vincitore qui due anni fa e sul podio in più occasioni, nonché i piloti italiani (Baldassarri e Morbidelli su tutti) e quel Takaaki Nakagami tanto deciso a correre una gara da protagonista sul suolo di casa. Nel corso dell'ultimo round è salito sul podio dopo molto tempo anche Álex Márquez, che proprio a Motegi si è imposto per due volte consecutive in Moto3.

La classe leggera ha invece già chiuso le sue ostilità con quattro gare ancora da correre. Brad Binder ha vinto un titolo meritatissimo e mai messo davvero in discussione, sulla velocissima KTM del team Ajo Motorsport. Il sudafricano ha conquistato cinque gare ma, dato più importante, ha mancato il podio in tre sole occasioni su 14 prove disputate. I fari sono quindi puntati sulla seconda posizione assoluta, con sei piloti in 33 punti: con la vittoria in Aragona, Jorge Navarro è tornato a capeggiare la fila, ma dovrà fronteggiare l'offensiva di ben quattro italiani, ossia Bastianini, Bulega, di Giannantonio e Bagnaia, oltre al connazionale Joan Mir. L'Italia, peraltro, arriva da vincitrice in carica del Gran Premio nipponico, poiché dodici mesi fa ad imporsi sotto la pioggia fu Niccolò Antonelli, in procinto di rilevare nel 2017 il sellino occupato ora da Binder.

Il Gran Premio del Giappone sarà trasmesso in diretta anche in chiaro, su TV8.

2016 Motul Grand Prix of Japan - Twin Ring Motegi
Round 15/18
14-15-16 ottobre 2016

motegi

INFO CIRCUITO

Lunghezza del circuito: 4,801 km
Giri da percorrere: 24 (MotoGP), 23 (Moto2), 20 (Moto3)
Distanza totale: 115,2 km (MotoGP), 110,4 km (Moto2), 96 km (Moto3)
Numero di curve: 14
Senso di marcia: orario

RECORD

Giro gara MotoGP: 1:45.350 - Jorge Lorenzo - Yamaha - 2014
Giro prova MotoGP: 1:43.790 - Jorge Lorenzo - Yamaha - 2015
Vittorie pilota 500cc/MotoGP: 4 - Kevin Schwantz, Valentino Rossi
Vittorie costruttore 500cc/MotoGP: 10 - Honda
Pole pilota 500cc/MotoGP: 4 - Jorge Lorenzo
Pole costruttore 500cc/MotoGP: 12 - Honda
Podi pilota 500cc/MotoGP: 10 - Valentino Rossi
Podi costruttore 500cc/MotoGP: 39 - Honda

Giro gara Moto2: 1:50.866 - Maverick Viñales - Kalex - 2014
Giro prova Moto2: 1:50.339 - Johann Zarco - Kalex - 2015
Vittorie pilota 250cc/Moto2: 4 - Daijiro Kato
Vittorie costruttore 250cc/Moto2: 17 - Honda
Pole pilota 250cc/Moto2: 4 - Tetsuya Harada
Pole costruttore 250cc/Moto2: 14 - Honda
Podi pilota 250cc/Moto2: 5 - Hiroshi Aoyama
Podi costruttore 250cc/Moto2: 48 - Honda

Giro gara Moto3: 1:57.112 - Álex Márquez - Honda - 2014
Giro prova Moto3: 1:56.484 - Romano Fenati - KTM - 2015
Vittorie pilota 125cc/Moto3: 2 - Bill Ivy, Noboru Ueda, Masao Azuma, Mika Kallio, Álex Márquez
Vittorie costruttore 125cc/Moto3: 14 - Honda
Pole pilota 125cc/Moto3: 5 - Noboru Ueda
Pole costruttore 125cc/Moto3: 14 - Honda
Podi pilota 125cc/Moto3: 5 - Kazuto Sakata
Podi costruttore 125cc/Moto3: 43 - Honda

ALBO D'ORO

jpnmotogp

PROGRAMMA

Venerdì 14 ottobre
9:00-9:40 (2:00-2:40) Prove Libere 1 Moto3 - SkySport MotoGP
9:55-10:40 (2:55-3:40) Prove Libere 1 MotoGP - SkySport MotoGP
10:55-11:40 (3:55-4:40) Prove Libere 1 Moto2 - SkySport MotoGP
13:10-13:50 (6:10-6:50) Prove Libere 2 Moto3 - SkySport MotoGP
14:05-14:50 (7:05-7:50) Prove Libere 2 MotoGP - SkySport MotoGP
15:05-15:50 (8:05-8:50) Prove Libere 2 Moto2 - SkySport MotoGP

Sabato 15 ottobre
9:00-9:40 (2:00-2:40) Prove Libere 3 Moto3 - SkySport MotoGP
9:55-10:40 (2:55-3:40) Prove Libere 3 MotoGP - SkySport MotoGP
10:55-11:40 (3:55-4:40) Prove Libere 3 Moto2 - SkySport MotoGP
12:35-13:15 (5:35-6:15) Qualifiche Moto3 - SkySport MotoGP, TV8
13:30-14:00 (6:30-7:00) Prove Libere 4 MotoGP - SkySport MotoGP
14:10-14:50 (7:10-7:50) Qualifiche MotoGP - SkySport MotoGP, TV8
15:05-15:50 (8:05-8:50) Qualifiche Moto2 - SkySport MotoGP, TV8

Domenica 16 ottobre
8:40-9:00 (1:40-2:00) Warm-up Moto3 - SkySport MotoGP
9:10-9:30 (2:10-2:30) Warm-up Moto2 - SkySport MotoGP
9:40-10:00 (2:40-3:00) Warm-up MotoGP - SkySport MotoGP
11:00 (4:00) Gara Moto3 - SkySport MotoGP, TV8
12:20 (5:20) Gara Moto2 - SkySport MotoGP, TV8
14:00 (7:00) Gara MotoGP - SkySport MotoGP, TV8

NB: tra parentesi gli orari italiani.

Immagine copertina: motogp.com

Nessun commento

Prendi parte alla discussione

I tuoi dati sono al sicuroIl tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Anche gli altri dati non verranno divulgati a terzi.