MotoGP | Test Sepang 2019, resoconto seconda giornata

MOTOGP Test Sepang 2019, resoconto seconda giornata

Viñales al comando con sei decimi su Rins. Solo mezza giornata per Márquez, risale Dovizioso. Rossi sesto di 07 Febbraio 2019, 19:46

La seconda giornata di test MotoGP in quel di Sepang ha visto un cambiamento in testa alla classifica, passata nelle mani di Maverick Viñales. Già terzo nelle prove di ieri, il nuovo #12 si è comportato ancora meglio quest’oggi, prima al mattino in un confronto sul crono col compagno Valentino Rossi e poi al pomeriggio, quando al sessantaduesimo dei 63 giri effettuati è balzato in testa alla generale sfondando (e di non poco) il muro dell’1:59. Il tempo fatto da “Top Gun”, 1:58.897, piazza il secondo classificato a sei decimi di distacco e rifila una stoccata niente male anche allo stesso Valentino, sesto a sette decimi lamentando una gomma morbida non funzionante. Nonostante i due risultati le sensazioni, per quanto positive, sono abbastanza opposte: Maverick parla di un salto di qualità non così ampio, Rossi pare invece entusiasta.

https://twitter.com/MotoGP/status/1093507169960579074

In seconda posizione troviamo nuovamente Álex Rins, su Suzuki. I miglioramenti effettuati dall’ex pilota di Sito Pons si notano sia sul giro secco, con un miglioramento di quattro decimi rispetto al best lap di ieri, sia sul ritmo con un ultimo run sull’1:59 e mezzo, alle cinque del pomeriggio inoltrate. Sono 61 i giri completati da Rins, tre in meno rispetto al compagno Mir, ancora oltre la ventesima posizione con due secondi di distacco dalla testa della classifica.

https://twitter.com/suzukimotogp/status/1093176167870418944

In terza posizione una Ducati GP19, ma come ieri non si tratta di una delle due Rosse ufficiali ma della Pramac guidata da Jack Miller. Undicesimo ieri, “Jackass” non ha fatto male quest’oggi abbassando il suo tempo di riferimento di otto decimi e mettendo a segno 49 giri, anche se non è un numero altissimo se messo a confronto con lo stesso Viñales; l’australiano e il compagno Bagnaia hanno testato anche un serbatoio sullo stile di quello usato da Lorenzo dalla gara del Mugello dello scorso anno. Chi sorride parecchio tra i ducatisti è Andrea Dovizioso, quarto, che ha lavorato in coppia con Petrucci per buona parte della seconda giornata, nel quale il ternano ha anche cercato di seguire traiettorie e stile di guida del forlivese. Ai microfoni di Sky, Dovi si è sbilanciato parlando addirittura di “giornata perfetta”. “Petrux” ha chiuso nono.

Per Marc Márquez si è trattato di una giornata incompleta. I giri effettuati da campione del mondo sono saliti a 37, ma come ieri sono stati ristretti solo al mattino per evitare ulteriori guai alla spalla sinistra ancora convalescente dall’operazione. Una situazione inaspettata anche per HRC stessa, che non ha potuto far affidamento al 100% su nessuno dei due titolari; il sostituto di Jorge Lorenzo, Stefan Bradl, ha proseguito da solo nel pomeriggio per il box del team interno Honda, chiudendo sedicesimo alle spalle delle due Yamaha Petronas SRT.

Non sono mancati gli incidenti, come una scivolata di Bagnaia (12°, ultimo tra i piloti capaci di girare sotto i due minuti) e una di Cal Crutchlow, ma la più spettacolare è stata quella di Pol Espargaró, disarcionato dalla sua KTM in curva 1. Nonostante le conseguenze fisiche pressoché nulle, la caduta ha sicuramente rallentato il programma del pilota spagnolo, permettendo a Johann Zarco di sopravanzarlo per la prima volta in questi test. Il francese si è inserito nella top quindici per la prima volta grazie all’11° tempo, limando il gap da Viñales a un solo secondo.

L’Aprilia si è piazzata nuovamente 13a grazie ad Áleix Espargaró. I due alfieri della Casa di Noale hanno provato anche delle simulazioni di gara, in modo da testare anche le modifiche al controllo di trazione e al bilanciamento della RS-GP. Solamente 18° Andrea Iannone, con 39 giri effettuati.

L’ultima occasione per portare a casa dati vitali in questi test sarà domani, con l’ultima sessione prima dei test antecedenti al GP del Qatar, il 23 febbraio. Ecco i risultati della giornata odierna.

Fonte immagine: motogp.com

Condividi