MOTOGP Sachsenring regno di Marquez. Marc suona la 9a di fila in Germania su Rossi e Vinales

Lo spagnolo fa 66 in carriera: fa sfogare Lorenzo e poi scappa. Ottimo Rossi 2°, le Ducati finiscono 6a e 7a
MotoGP | Sachsenring regno di Marquez. Marc suona la 9a di fila in Germania su Rossi e Vinales
di 15 luglio 2018, 15:00

Marquez suona la nona. Lo spagnolo della Honda vince, anzi stravince, per la nona volta di fila al Sachsenring, la quinta in stagione, davanti a Valentino Rossi e Maverick Vinales con le Yamaha ufficiali, allungando in classifica generale a 46 punti (curioso) proprio sul #46. Per il campione in carica è la vittoria numero sessantasei in carriera, la numero 40 in MotoGP. 

Gara tirata con Jorge Lorenzo che è passato subito in testa resistendo per metà gara al connazionale della Honda. Marquez ha atteso il momento ideale per portare l'attacco vincente per poi involarsi in solitaria, seguito da Valentino Rossi che ha gestito al meglio la sua gara.

Nel finale è arrivato il crollo di Lorenzo unito al ritorno di Vinales e Petrucci, con lo spagnolo che ha conquistato nel finale il gradino più basso del podio.

Gara in ombra per Andrea Dovizioso, giunto alle spalle del compagno in settima posizione.

CRONACA

Partenza regolare nelle prime curve con Lorenzo che prende la testa davanti a Petrucci, Marquez e Rossi, mentre Rins e Pol Espargarò cadono subito in curva due. Vinales è seguito da Crutchlow e Dovizioso.

Nelle prime tornate l’unico sorpasso è quello di Crutchlow su Vinales, con l’inglese che si porta in quinta posizione dietro Valentino Rossi. Lorenzo, in testa, cerca di allungare leggermente sul gruppetto formato ad Petrucci, Marquez, Rossi e Crutchlow stesso. Nell’incidente al via sono coinvolti anche Miller e Iannone che sprofondano in fondo al gruppo.

L’inizio del quinto giro vede Marc Marquez passare Danilo Petrucci e portarsi al secondo posto all’inseguimento di Jorge Lorenzo. Al termine della tornata si registra la caduta di Nakagami, mentre anche Dovizioso ha passato Vinales ed è ora sesto.

All’inizio del nono giro Valentino Rossi si porta in terza posizione scavalcando Danilo Petrucci. Davanti, invece, Marc Marquez ha ridotto il distacco su Jorge Lorenzo e si avvicina al codone della Ducati del connazionale. Un giro dopo i due spagnoli sono ormai incollati mentre arriva la caduta di Cal Crutchlow: un gran peccato per l’inglese che seguiva da vicino Danilo Petrucci.

A 20 giri dal termine, due terzi di gara, Lorenzo e Marquez sono incollati in testa con Valentino Rossi leggermente attardato, seguito da Petrucci e Dovizioso. Marquez sembra attendere il momento buono per colpire, che potrebbe arrivare a 18 dal termine in curva uno quando Lorenzo va leggeremente lungo. Il #93 non infierisce e resta alle spalle, ma si capisce che ne ha di più ed infatti all’inizio del 14° giro passa in testa.

A questo punto saltano gli schemi: Valentino Rossi dopo un giro è già sulla coda della Ducati mentre Marquez tenta di scappare via. Dietro di loro seguono Petrucci, Dovizioso ed un ottimo Bautista in sesta posizione davanti a Vinales, Zarco, Pedrosa e Syarin.

A quindici dal termine arriva il sorpasso di Valentino Rossi su Jorge Lorenzo. L’italiano della Yamaha si lancia all’inseguimento di Marc Marquez. In realtà il sorpasso, come visto dal replay, è più frutto di un piccolo errore dello spagnolo. Un paio di giri dopo, recuperato lo svantaggio, Lorenzo tenta di ripassare Rossi alla fine del rettilineo del traguardo ma va lungo, dovendosi così riaccodare alla Yamaha. Dietro il trio di testa si è compattato il gruppetto formato da Petrucci, Dovizioso, Bautista e Vinales.

Arriva un altro tentativo di Lorenzo di sopravanzare Rossi ma anche questa volta lo spagnolo deve desistere. Rossi, invece, a poco a poco ricuce lo svantaggio su Marquez, che pareva poter andare via da solo ed invece non solo non riesce ad aprire il gap, ma perde terreno.

A dieci dal termine Marquez ritenta l’allungo portandosi oltre il secondo di vantaggio su Rossi, mentre Lorenzo allenta leggermente la presa. Dietro, Petrucci si libera dei tre compagni di gruppo con Bautista che si è portato davanti a Dovizioso e Vinales.

Lo strattone di Marquez è clamoroso: con un paio di giri veloci il #93 si porta ad oltre un secondo e mezzo di vantaggio su Rossi scavando un solco di sicurezza. Lorenzo resta intorno al secondo sull’italiano. Mancano meno di otto giri al termine della gara.

Negl ultimi tre giri la grafica mostra il passo costante di Rossi sull’1:22.0, mentre Marquez scende a 21.8, 21.6 e 21.9 per aprire il gap, che a sei dal termine è ormai due secondi e quattro. Intanto è in difficoltà Lorenzo, che va largo ancora in curva 1 ed è ormai ripreso da Petrucci.

A cinque dal termine arriva lo scambio di posizione tra le due Ducati, mentre dietro arrivano subito Vinales, Bautista e, leggermente distanziato, Andrea Dovizioso. Il crollo della Ducati di Lorenzo è evidentissimo con Vinales che passa al termine dello stesso giro.

A tre dal termine Bautista infila Lorenzo in fondo al rettilineo principale prendendosi la quinta posizione. Davanti Marquez e Rossi sono in prima e seconda posizione con Petrucci terzo e Vinales quarto in recupero. I due sono in lotta per l’ultima posizione sul podio e Vinales porta l’attacco a metà del penultimo giro.

L’ultima tornata vede Marc Marquez vincere in solitaria davanti a Valentino Rossi, che arriva sul traguardo con Vinales e Petrucci non distanti. Bautista ottimo quinto davanti alle Ducati di Lorenzo e Dovizioso. Ottavo Pedrosa davanti a Zarco e Smith.

Qui il risultato di gara. In classifica generale Marquez allunga a 46 punti su Rossi, 165 punti contro 119. Vinales è terzo a 109.

Immagine: Twitter/Marc Marquez

Condividi

Nessun commento

Prendi parte alla discussione

I tuoi dati sono al sicuroIl tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Anche gli altri dati non verranno divulgati a terzi.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.