MOTOGP GP Qatar: Viñales firma la pole position, Rossi sulla seconda M1 solo 14°

Differenza imbarazzante tra le due M1 factory. Dovizioso e Márquez in prima fila, stupisce Quartararo
MotoGP | GP Qatar: Viñales firma la pole position, Rossi sulla seconda M1 solo 14°
di 09 Marzo 2019, 19:25

Ci si aspettavano sorprese in una qualifica così incerta, considerando sia le condizioni della pista di Losail, sia il fatto che si trattassero delle prime prove ufficiali dell’anno, sempre piuttosto sorprendenti. A guardare la prima fila, a dire il vero, nulla di sconvolgente, se non la superiorità in Q2 di Maverick Viñales: lo spagnolo conferma il buon feeling con la Yamaha M1 2019 già mostrato durante i test in Qatar, stampando così la pole position con due decimi di margine sul primo degli inseguitori. Per “Top Gun” è la seconda partenza al palo in Qatar, ma si tratta della prima pole position effettiva considerando che nel 2017 le qualifiche del sabato erano state annullate, mantenendo quindi i risultati delle libere come quelli validi per lo schieramento di partenza. Al suo fianco scatteranno altri due favoriti per il successo, oltre che per la lotta iridata: Andrea Dovizioso è stato veloce anche sul giro secco, non la sua specialità, mentre Marc Márquez con una zampata finale ha agguantato la top tre.

In seconda fila troviamo un altro schieramento Ducati-Yamaha-Honda, con Jack Miller quarto ma caduto prima dell’ultimo tentativo, la sorpresa Fabio Quartararo e Cal Crutchlow in ripresa con la caviglia. Due dei volti più attesi, Rossi e Lorenzo, partiranno addirittura dalla quinta fila (con Pecco Bagnaia), per non aver nemmeno superato lo scoglio della Q1.

IL RESOCONTO

Le sorprese cominciano già dalla Q1, con la temperatura della pista che rende molto difficile la guida, specie nei tratti misti. A inizio turno sono le RC213V di Crutchlow e Lorenzo a mettersi davanti con un discreto vantaggio sugli avversari, tranne che su un ottimo Pecco Bagnaia il quale si piazza a solo un decimo dalla coppia di hondisti; Rossi solo sesto a sei decimi. Al primo run gli unici a scendere sotto all'1:55 sono i tre citati e Pol Espargaró sulla KTM che fa molto meglio del compagno Zarco, il quale cade per la seconda volta di fila in curva 2; una qualifica totalmente diversa da quella dello scorso anno. Pochi istanti prima però era stato il turno proprio di Lorenzo, che mette così a repentaglio la sua prima qualifica coi colori Repsol; lo scavalca Taka Nakagami sulla seconda Honda LCR, buttandolo fuori dalla Q2. Gli ultimi due a migliorarsi sono proprio Bagnaia e Rossi, che si piazzano rispettivamente in 13a e 14a posizione, in quinta fila al fianco del “Por Fuera”. L’Aprilia di Iannone è 19a.

Al via della Q2, il record 2018 di Zarco resiste al primo giro veloce di Viñales sull'1:53.8, che parte al massimo al contrario di tutti gli altri concorrenti, più cauti su un asfalto così freddo e insidioso. Quartararo è il più stupefacente, tanto da mettersi in prima fila, separato da Viñales solo da Nakagami sulla LCR Idemitsu. Tutti rientrano insieme in pitlane dopo due passaggi veloci, con solo “Top Gun” leggermente più indietro all’ingresso e che anticipa tutti in uscita; l’esatto contrario Márquez, che aspetta all’uscita dal box un traino adeguato.

Nel secondo run lo yamahista pare più abbordabile, ma ciò non gli impedisce di migliorare il suo crono più veloce e battere il record sul giro secco. Miller si piazza ottimamente secondo, prima di scivolare proprio alle spalle del compagno di marca Dovizioso e poi letteralmente sull’asfalto, in curva 2. Nessuna vampata da Márquez e Petrucci (che girano in coppia), i quali si migliorano al secondo passaggio per passare rispettivamente in terza e settima piazza. Un solo millesimo tra Dovi e Marc, staccati due decimi dal poleman di oggi. Il tempo finale di Maverick Viñales è 1:53.546, non il più veloce del weekend ma impressionante, considerando le condizioni e la temperatura. Suzuki parecchio nascoste durante il turno, con Rins e Mir in quarta fila insieme ad Espargaró.

Domani la gara MotoGP scatterà alle 18:00, anticipata chiaramente dalle due classi leggere Moto2 e Moto3.

Qui i risultati della prima qualifica della classe regina e la griglia di partenza.

Fonte immagine: yamahamotogp.com/media

Condividi

Nessun commento

Prendi parte alla discussione

I tuoi dati sono al sicuroIl tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Anche gli altri dati non verranno divulgati a terzi.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.