MOTOGP GP Americas 2018, sintesi warm-up

Márquez estremamente efficace, dietro a lui Viñales ma a sei decimi. Il fratello Álex molto veloce in Moto2
MotoGP | GP Americas 2018, sintesi warm-up
di 22 aprile 2018, 17:59

Le polemiche e le discussioni relative alle sue ultime uscite in Argentina e ieri in prova non sembrano aver intaccato il morale di Marc Márquez, perché lo spagnolo è ancora l’uomo da battere qui in Texas. Il warm-up lo ha confermato, con lo spagnolo che è stato capace di mettersi al comando della sessione e di rifilare sei decimi al (nuovo) poleman della gara di oggi, Maverick Viñales. Probabilmente saranno proprio i due spagnoli a contendersi il successo, con Márquez che dovrà giocoforza rimediare alla penalizzazione in griglia, che lo farà partire dalla seconda fila. Segue poi l’attuale leader del mondiale Cal Crutchlow, pronto a far parlare di sé anche qui in Nord America dopo il successo in Argentina; quarto Iannone su Suzuki, che in questa gara sembrerebbe avere l’opportunità di pareggiare i conti col compagno Rins  (settimo nel warm-up).

La prima Ducati è quella di Andrea Dovizioso, dietro anche all’Aprilia RS-GP di Aleix Espargaro. Il ducatista, come da previsioni, dovrà prepararsi a stringere i denti questo pomeriggio e cercare di perdere meno punti possibili, a meno di sorprese meteorologiche o quant’altro. Il suo distacco sul giro singolo è di un secondo pieno, mentre la seconda Ducati è quella di “Jackass” Miller in ottava piazza. Continua così il momento buono dell’australiano, mentre Jorge Lorenzo (sesto in griglia quest’oggi) conclude la top ten dietro alla terza Ducati GP18. Clamorosamente fuori dalla top ten Rossi e Zarco, forse alle prese con prove di set-up particolari.

Anche nelle classi minori però la faccenda relativa alla vittoria del GP si fa interessante. Partendo dalla Moto2, anche qui c’è un Márquez al comando, e si tratta ovviamente del più giovane Álex sulla Kalex del team Marc VDS. In questo caso sono quattro i decimi sul secondo, Miguel Oliveira su KTM, ma la gestione gomme sarà un punto fondamentale vista la lunghezza della pista e l’alto numero di chilometri da effettuare. Brilla anche l’altra moto Marc VDS grazie al quarto posto di Mir, che scatterà dalla seconda fila in mezzo alle moto del team Sky VR46 di Bagnaia e Marini.

Infine la Moto3, che basandosi sui tempi dovrebbe essere ben più combattuta rispetto alle prime due corse viste fino a qui. In prima posizione una KTM, quella di Gabriel Rodrigo, che è riuscita a precedere entrambe le Honda del team Gresini ma di meno di un decimo. Fabio Di Giannantonio è secondo nel warm-up davanti al secondo in classifica Jorge Martín, e i due saranno i principali alfieri di Honda per ritornare a fare la parte del leone dopo il successo di Bezzecchi su KTM. Il vincitore a Termas de Rio Hondo è quinto ed è anche lui parecchio vicino all’argentino, dietro a un sorprendente Migno sulla KTM del team Angel Nieto.

Qui i risultati del warm-up della MotoGP.

Immagine copertina: motogp.com

Condividi

Nessun commento

Prendi parte alla discussione

I tuoi dati sono al sicuroIl tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Anche gli altri dati non verranno divulgati a terzi.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.