MOTOGP Casey Stoner lascia la Ducati dopo il suo lavoro di collaudatore

Il triennio volto a migliorare la Desmosedici si è concluso. Le parole di Casey: “Grazie Ducati”
MotoGP | Casey Stoner lascia la Ducati dopo il suo lavoro di collaudatore
di 14 novembre 2018, 15:13

Nella giornata di ieri Casey Stoner e Ducati hanno messo la parola fine alla loro seconda collaborazione, quella che ha visto il bicampione del mondo australiano lavorare come tester per la Casa di Borgo Panigale nelle ultime tre stagioni. Tornato in stretti rapporti col marchio italiano dopo essere stato una figura analoga in Honda, Casey ha affiancato Michele Pirro nel ruolo di collaudatore delle GP16, GP17 e GP18 che i vari titolari dei team Ducati nel Motomondiale hanno poi portato ai buoni risultati visti dal 2016 in avanti, come il ritorno alla vittoria del marchio italiano (con Iannone in Austria nel 2016) o le posizioni ottenute nella top 3 nella classifica generale (Dovizioso vice-campione del mondo per due anni consecutivi, 2017 e 2018). Inutile nascondere come la figura dell'iridato 2007 e 2011 sia stata tanto di assoluto spicco quanto un macigno, come presenza, per tutta la squadra Ducati Corse, essendo Casey l’unico a essere stato in grado di portare la Desmosedici sul tetto del mondo.

Il protagonista della vicenda ha detto questo in merito alla fine dell’accordo: “Voglio dire grazie a Ducati per i grandi ricordi insieme e per l’appoggio, arrivato sempre anche da tutti i tifosi ducatisti, dividendo la stessa passione per la moto e per le gare. Non lo dimenticherò mai. Sono stato molto felice di lavorare con Ducati negli ultimi anni con l’obiettivo comune di migliorare la Desmosedici GP. Voglio augurare a tutta Ducati il meglio per il futuro”.

Queste invece le parole di Claudio Domenicali: “Casey sarà sempre nel cuore dei ducatisti, è stata una importante collaborazione. Le sue indicazioni tecniche, unite al lavoro dei piloti ufficiali e di Michele Pirro, hanno contribuito a fare della Desmosedici una delle moto migliori della MotoGP. Un grazie di cuore da tutta la Ducati e dai nostri tifosi a Casey e alla sua famiglia, ai quali auguriamo un futuro sereno”.

Ora sarà interessante capire se il fenomeno australiano appenderà definitivamente il casco al chiodo concentrandosi sulla famiglia o se accetterà di diventare tester per un altro marchio. Honda parrebbe già pronta a bussare alla sua porta per farlo rientrare nelle proprie grazie, ma attendiamo notizie ufficiali.

Fonte immagine: motogp.com

Condividi

Nessun commento

Prendi parte alla discussione

I tuoi dati sono al sicuroIl tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Anche gli altri dati non verranno divulgati a terzi.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.