MOTO3 GP Spagna: prima vittoria di Philipp Oettl

Il figlio d’arte vince il duello con Bezzecchi e festeggia alla grande i suoi ventidue anni. Fuori Canet e Martín
Moto3 | GP Spagna: prima vittoria di Philipp Oettl
di 06 maggio 2018, 12:30

Sembrava il giorno ideale di Jorge Martín per ottenere il terzo successo nelle prime quattro gare di campionato. Ma non ha fatto i conti con un ingresso esagerato del suo rivale Aron Canet che gli costato, oltre che il successo davanti al suo pubblico, 25 punti fondamentali. Ad approfittarne è stato così il tedesco Philipp Oettl, figlio d’arte, neo-ventiduenne che alla sua 91a gara in Moto3 ottiene finalmente il suo primo successo. Nonostante però l’episodio sfortunato che ha eliminato i due spagnoli insieme anche a Bastianini e ad Arbolino, bisogna ammettere che il lavoro fatto dal tedesco durante gli ultimi giri per tenere il comando è stato egregio, riuscendo anche a tenere dietro Marco Bezzecchi alla caccia della sua seconda vittoria stagionale. Il ritorno al parco chiuso per Philipp è stato commovente, con l’abbraccio del papà Peter e di tutta la sua squadra Schedl GP Racing.

Secondo posto per un Marco Bezzecchi che comunque può sorridere, visto che grazie ai 20 punti della seconda posizione si porta, per la prima volta in carriera, in testa al mondiale; al terzo posto sul traguardo è giunto Alonso Lopez, ma pochi minuti dopo è giunta la comunicazione della retrocessione di una posizione per il superamento dei track-limits, vanificando così l’ottimo risultato davanti al suo pubblico. Stessa sorte per Niccolò Antonelli. In terza posizione si è così classificato Ramirez.

LA CRONACA

Il meteo per questa gara parla di sole splendente e di una leggera brezza, che potrebbe comunque essere determinante nella classe leggera. Prima del via giunge la notizia della retrocessione di Andrea Migno, da sesto a 18° per un eccessivo rallentamento durante la QP, permettendo al rookie Lopez di ottenere la seconda fila.

Pronti-via e Martín dalla pole parte bene inseguito dal compagno di squadra Di Giannantonio, mentre Oettl si pone al terzo posto. Dietro la lotta è molto serrata e alla curva Michelin succede il patatrac: McPhee su KTM arriva lungo, speronando lateralmente sia Dalla Porta che Foggia, costringendoli al ritiro. Anche nelle posizioni che contano i nostri italiani rischiano grosso, con Bastianini che all’uscita della Dry Sack si scompone ed entra in contatto con Bezzecchi, fortunatamente senza cadere e proseguendo la gara. I due Gresini intanto al primo giro fanno un deciso strappo sugli inseguitori.

Questo gap nel secondo giro, grazie all’effetto scia, viene smorzato con il giovane Lopez che sale brillantemente al terzo posto; ci rimarrà poco però, perché al terzo giro entra in contatto con Oettl alla 9, andando lungo per la ghiaia e ritornando in pista in 17a piazza. Da questa lotta ne approfitta Martín, che prende tre/quattro decimi di vantaggio.

Al quinto giro il ritmo del madrileno è finalmente interrotto: alla Dry Sack Di Giannantonio tenta l’attacco ma la sua Honda si scompone, facendolo scendere in ottava posizione. Al comando si ritrova quindi Bastianini mentre Bezzecchi approfitta del momento di defaillance di Martín salendo al secondo posto. Al sesto passaggio il vincitore dell’Argentina passa al comando sul connazionale, mentre Martín lotta con Antonelli.

Lo spagnolo del team Gresini prova a tornare brevemente al comando nel corso del settimo giro, ma l’accelerazione all’uscita dell’ultima curva permette alla KTM #12 di tornare davanti. Inizia poi un bel duello tra lo stesso Bezzecchi e Tony Arbolino (team Snipers), ma entrambi vengono superati alla Dry Sack dal leader del mondiale. Ci sono ben quattro italiani in lotta con l’ispanico.

Il contrattacco di Arbolino non si fa attendere, permettendo anche il sorpasso di Enea Bastianini sul #88 alla curva Sito Pons; alla fine del lungo rettilineo è proprio la “Bestia” ad andare al comando, ma a sorpresa spunta anche la KTM di Philipp Oettl che a dodici giri dalla fine passa al comando.

La leadership del tedesco dura molto a lungo, ben cinque giri prima di risubire l’attacco di Arbolino. La KTM del team Schedl però ha un’ottima rapportatura e permette al figlio di Peter Oettl di tornare subito davanti. Dietro ai primi sei, intanto, Di Giannantonio prova a superare l’ostacolo formato da Toba per tornare nel gruppo davanti, ma la loro lotta (e un sorpasso un po’ duro del giapponese alla 10) fa scappare il gruppo di testa di quasi un secondo.

A quattro giri dalla fine il colpo di scena: Canet e Martín si ritrovano appaiati alla Dry Sack e il pilota del team Marc VDS prova a staccare tardi, ma il posteriore della sua Honda si scompone andando a speronare lateralmente proprio il leader del mondiale; come in un effetto domino Jorge sperona a sua volta gli incolpevoli Bastianini e Arbolino, che rimangono a terra doloranti sulla pista. I soccorsi arrivano mentre Martín non le manda a dire al connazionale.

Davanti così rimangono solo le due KTM di Oettl (con mezzo secondo di vantaggio) e Bezzecchi. Negli ultimi due giri l’azzurro si fa pericolosamente vicino ma alla Jorge Lorenzo, all’ultima tornata, il tedesco non concede nulla, lasciando all’italiano solo la speranza della volata che non si concretizza. Philipp Oettl così vince il suo primo GP davanti all’italiano, mentre tre secondi più indietro Alonso Lopez giunge a podio per la prima volta in carriera. La gioia del pilota Marc VDS, per quanto enorme, dura pochissimo perché la direzione gara lo punisce con una posizione di penalità per aver superato i limiti della carreggiata, dando a Marcos Ramirez il podio.

Nella classifica piloti lo strike di Canet rimescola incredibilmente le carte. Al comando della generale c’è ora Marco Bezzecchi con 63 punti, mentre Martín e Canet rimangono fermi rispettivamente a 48 e a 43 punti. Tra di loro s’inserisce Di Giannantonio, autore però di una gara ben al di sotto delle aspettative, che sale a 46 punti grazie al settimo posto. Giornata nera anche per il team Leopard, che guadagna zero punti con entrambi i piloti.

Qui i risultati della gara e la classifica completa.

Fonte immagine: motogp.com

Condividi

Nessun commento

Prendi parte alla discussione

I tuoi dati sono al sicuroIl tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Anche gli altri dati non verranno divulgati a terzi.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.