Moto3 | GP Germania: finalmente Dalla Porta! Vittoria e primato in classifica

MOTO3
GP Germania: finalmente Dalla Porta! Vittoria e primato in classifica

Doppietta Leopard al Sachsenring. Canet 3° dopo una spettacolare rimonta di 07 Luglio 2019, 12:19

Dopo quattro 2° posti, Lorenzo Dalla Porta assapora finalmente il sapore della vittoria in questo 2019 (seconda volta in carriera). Il nativo di Prato, al termine di una gara al solito altamente spettacolare, la spunta in un duello all'ultimo giro, precedendo il compagno di squadra Marcos Ramirez e il rivale per il titolo Aron Canet, partito 22°. Dalla Porta (primo italiano a vincere al Sachsenring nell'era Moto3) va in vacanza con la leadership nel Mondiale, con un +2 su Canet (125 a 123). Tornando alla gara, 4° posto per Romano Fenati, davanti a Fernandez, McPhee, Ogura, Suzuki, Sasaki e Kornfeil (10°). Nei primi 15 anche Garcia, Antonelli (12°), Salac, Oncu ed Arbolino (15°). Fuori dai punti Nepa (18°), Migno (19°) e Rossi (22°); ko nell'ultimo giro Foggia (steso da Binder) e Vietti.

LA CRONACA

Gara asciutta al Sachsenring per la Entry Class. La partenza migliore è quella di Romano Fenati, subito al comando dopo curva 1, seguito da Ramirez; in uscita dalla Omega, Alonso Lopez, in high-side, coinvolge anche Gabriel Rodrigo. Fenati prova subito ad imporre il suo ritmo, ma nel corso del 3° giro subisce il sorpasso di Ramirez; nelle retrovie, fatica inizialmente a recuperare Canet, che comunque entra in zona punti (15°) durante il 6° passaggio.

Davanti, i più continui sono Ramirez e McPhee, al comando del solito gruppone da Moto3, composto in questa fase da una dozzina di piloti. I cambi di posizione si susseguono, soprattutto nelle posizioni alle spalle dello spagnolo del Team Leopard. Momento importante della gara ai -17: Ramirez prova a scappare su McPhee e Dalla Porta, che si disturbano alquanto, consentendo al #42 di guadagnare, in particolare nei primi due settori.

Ramirez martella una serie di giri sull'1:27 basso, ma il compagno di box, liberatosi dello scozzese, comincia a recuperare decimo su decimo. L'aggancio arriva ai -13, con un errore di Ramirez alla Sachsen; in curva 1 lo spagnolo sbaglia ancora, e Dalla Porta passa al comando, mentre si stendono in sequenza prima Arenas e poi Toba. In testa i primi cinque, ovvero i due Leopard, Fenati, Kornfeil e McPhee, riprendono a darsele di santa ragione; ciò consente a Sasaki e Fernandez di riaccodarsi, dopo aver perso qualcosa nei giri precedenti.

Nel frattempo, intanto, Canet torna ai margini della zona punti, dopo aver rischiato tanto andando a pizzicare in curva 1 la posteriore di Arbolino. Il ritmo di quelli davanti non è eccezionale e Suzuki, dopo aver cambiato marcia, riesce a portarsi nel gruppo di testa, quando mancano 6 giri alla conclusione. Ma si accende anche Aron Canet, che risale in maniera inarrestabile: 9° ai -6, il pilota del team di Max Biaggi si aggancia ai primi nel corso del quintultimo giro; ai -4 il nativo di Corbera de Alcira passa in successione prima Fernandez poi Fenati (con tanto di carenata), arrivando ai piedi del podio.

Un giro dopo Canet è 2°, andando poi a prendersi addirittura la vetta, infilzando anche Dalla Porta alla staccata di curva 12. Lorenzo replica subito, ma nello stesso punto, nel corso del penultimo giro, il copione si ripete, con il nostro passato non solo dal rivale, ma anche da Ramirez e Fenati. Il #48 è bravo a non disunirsi e, dopo esser tornato secondo in curva 1, porta l'affondo a Canet ancora alla Sachsen. E' il sorpasso decisivo: sulla linea del traguardo Dalla Porta può finalmente festeggiare la vittoria e, grazie a Ramirez, che precede Canet, anche la vetta nella classifica della Moto3. Buon 4° Fenati. Da segnalare, nel corso dell'ultimo giro, le cadute dei due piloti del team SKY Racing Team VR46, Dennis Foggia (steso dal solito Darryn Binder) e Celestino Vietti.

Qui i risultati della gara del Sachsenring e la classifica di campionato.

Fonte immagine: motogp.com.

Condividi