MOTO3 GP Australia, Binder vince su Locatelli e Canet una gara pazza

Gara interrotta per bandiera rossa dopo 6 giri. Paura per McPhee, investito da Migno. Giù quasi tutti gli italiani di 23 ottobre 2016, 05:10
Moto3 | GP Australia, Binder vince su Locatelli e Canet una gara pazza

Brad Binder ha vinto il Gran Premio d'Australia della classe Moto3 davanti ad Andrea Locatelli e Aron Canet. La gara è stata interrotta per un maxi incidente dopo sei giri.

Subito in partenza c'è un primo incidente che coinvolge diversi piloti, tra cui Pawi e Mir (che riporta una contusione ad una gamba). Passa poco e si perdono subito degli italiani. Bulega cade da solo, mentre Di Giannantonio viene spinto all'esterno da Rodrigo, centra Bagnaia e costringe entrambi al ritiro.

La gara viene sospesa dopo 6 giri per un nuovo crash che coinvolge McPhee, Migno, Bastianini, Navarro. McPhee è quello che spaventa di più perché colpito dalla KTM di Migno rimane inerme sull'erba, mentre a sua volta Bastianini viene investito da Navarro. Viene esposta subito la bandiera rossa per permettere i soccorsi in pista. McPhee viene portato in ambulanza al centro medico dopo minuti di tensione.

Navarro può ripartire essendo tornato ai box con la propria moto, mentre Bastianini e Di Giannantonio sono costretti al ritiro. La gara riparte sulla distanza di 10 giri, sulla base delle posizioni ottenute un giro prima della sospensione. La maledizione degli italiani continua con Antonelli che cade dopo metà del primo giro e Dalla Porta che viene penalizzato con un Ride Through per Jump Start, mentre Locatelli resta attaccato a un Binder che tenta subito la fuga. Il sudafricano è imprendibile e passeggia per portare a casa la vittoria. Locatelli giunge secondo staccato di tre secondi abbondanti mentre la lotta per la terza posizione è a favore di Aron Canet.

14 i piloti ritirati. Il risultato di gara e la classifica della Moto3.

Iscriviti al nostro Gruppo Facebook per commentare questo e gli altri nostri articoli


-->

Nessun commento

Prendi parte alla discussione

I tuoi dati sono al sicuroIl tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Anche gli altri dati non verranno divulgati a terzi.