MOTO2 GP Repubblica Ceca: Oliveira vince e si porta in testa al mondiale

Per la prima volta il portoghese è il capoclassifica della Moto2. Marini e Bagnaia completano il podio
Moto2 | GP Repubblica Ceca: Oliveira vince e si porta in testa al mondiale
di 05 agosto 2018, 13:56

In una delle gare migliori dell’anno per la Moto2, Miguel Oliveira ha ottenuto il successo a Brno nel Gran Premio della Repubblica Ceca, il secondo della stagione dopo quello ottenuto in una altrettanto fantastica gara al Mugello. Un successo importantissimo per il sorpasso in chiave mondiale su Francesco Bagnaia, anche lui in battaglia feroce col portoghese, col suo compagno di squadra Luca Marini e con Lorenzo Baldassarri, giunto quarto oggi dopo una bella gara in rimonta. Tra i due leader del mondiale è giunto proprio il poleman Marini, la cui crescita è oramai assodata anche in vista del possibile primo successo in Moto2.

LA CRONACA

Prima della partenza, temperature più basse sia per il clima che per la pista e addirittura qualche gocciolina di pioggia che cade a pochi minuti dallo start. La gara rimane tranquillamente asciutta, la pioggia non si ripeterà durante la gara.

Alla partenza Marini scatta molto bene dalla pole position ma Álex Márquez fa altrettanto, provando la staccata in curva 1 ma andando largo e permettendo all’italiano di ritornare primo. Il controsorpasso dello spagnolo arriva in curva 5 e questa volta è redditizio per tornare davanti mentre più indietro, sempre nella stessa curva, Mir viene speronato da Gardner e finisce a terra, coinvolgendo anche Bendsneyder. E’ visibile la rabbia dello spagnolo del team Marc VDS.

Bagnaia parte all’attacco da subito e alla fine del primo giro è già secondo di fronte al suo compagno di team, attaccando poi immediatamente alla curva 3 anche Álex Márquez. I due piloti del team di Valentino Rossi si ritrovano così davanti a tutti (con il nuovo sorpasso di Marini), mentre la lotta per il sesto posto tra Binder e Vierge regala spallate ed emozioni. Ride Through, intanto, per Romano Fenati a causa di una partenza anticipata.

La lotta tra Marini e Bagnaia è parecchio dura e fa sospettare che non ci siano assolutamente giochi di squadra tra i due. Oliveira è dietro ai due contendenti e li tiene d’occhio, mentre il suo compagno Binder scende in settima posizione dopo l’attacco di Pasini. Oliviera fa la sua mossa al quinto giro, approfittando del sorpasso di Marini sul suo avversario nel mondiale e passando secondo.

Al settimo giro la KTM passa al comando, non senza difficoltà vista la resistenza di Marini che, approfittando di un errore alla curva 10 del portoghese, si riporta poi al comando. La lotta tra i primi tre e quella tra Márquez e Vierge permettono al gruppo davanti di aumentare fino a nove piloti, con anche Pasini, Binder, Baldassarri e Schrotter. Colpo di scena al decimo giro, con Márquez a terra alla curva 14 proprio dopo aver compiuto il sorpasso su Oliveira.

Ora è Bagnaia al comando, mentre la risalita di Baldassarri prosegue con un sorpasso su Vierge che gli vale il quarto posto. Il pilota del team di Sito Pons è scatenato e sorpassa anche Oliveira, puntando poi le due moto nere al comando. Da notare anche le differenze di traiettoria dei vari piloti, con Bagnaia parecchio largo alla curva 1 e spesso anche alla Schwantz.

Baldassarri concretizza la sua rimonta andando al comando, mentre la lotta tra i due piloti dello Sky Racing Team avvantaggia Oliveira che in uscita dalla curva 2, a pochi giri dal termine, li passa entrambi. C’è anche un rischio pazzesco per Bagnaia che entra in contatto con Vierge alla curva 3 a quattro giri dalla fine, ma riesce lo stesso a stare incollato ai suoi avversari. Negli ultimi tre giri quello più in difficoltà sulle gomme è Baldassarri, con una moto parecchio nervosa e diverse difficoltà che permettono a Bagnaia di tornare terzo; alla curva 10 però il torinese sbaglia e l’incrocio di traiettorie tra i due avvantaggia enormemente Oliveira, di nuovo al comando, e Marini. Luca passa alla curva 1 con Oliveira largo ma la KTM rimane minacciosa, e alla curva 10 risorpassa andando però ancora lungo. All’ultima variante il portoghese è esterno ma ritarda all’inverosimile la frenata, mantiene l’interno alla curva 14 e va così a vincere su un comunque grande Marini.

La classifica di campionato vede il sorpasso del pilota KTM su Pecco Bagnaia: 166 a 164 per Oliveira, in vista delle prossime gare che continueranno il loro duello. Il più giovane dei Márquez rimane terzo nella generale, ma oramai a -53 dalla testa del mondiale, mentre Baldassarri risale la china e si trova ora a ulteriori sette punti dallo spagnolo.

Qui i risultati e la generale del campionato Moto2 dopo il decimo round.

Fonte immagine: motogp.com

Condividi

Nessun commento

Prendi parte alla discussione

I tuoi dati sono al sicuroIl tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Anche gli altri dati non verranno divulgati a terzi.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.