MOTO2 GP Australia: tris di Brad Binder, pratica mondiale rimandata per Bagnaia

Il sudafricano vince in volata su Mir, in una delle gare migliore della stagione per la classe di mezzo
Moto2 | GP Australia: tris di Brad Binder, pratica mondiale rimandata per Bagnaia
di 28 ottobre 2018, 06:21

Ci si aspettavano le rimonte di Miguel Oliveira e soprattutto Pecco Bagnaia, nel Gran Premio d'Australia di Moto2, e invece non abbiamo avuto nessuna delle due quest’oggi. In un gruppo di testa in cui sono stati presenti nomi davvero atipici, a vincere è stato Brad Binder, al terzo successo stagionale, uno in più rispetto al suo caposquadra portoghese. Il sudafricano si conferma come una delle rivelazioni della stagione e soprattutto come uno dei favoriti d’obbligo per il prossimo anno. La gioia della KTM per il secondo successo consecutivo nel Victoria viene però smorzata dalla prestazione magrissima dello stesso Oliveira, che arriva sì davanti a Bagnaia per la prima volta dalla gara di Brno, ma in 11a posizione e col torinese subito dietro, guadagnando così un misero punto. Podio completato da Joan Mir, beffato in volata nel duello col suo vecchio avversario in Moto3, e Xavi Vierge.

LA CRONACA

Il sole fa capolino con ancora più decisione sull’isola australiana, scongiurando possibili scenari di gara con la pioggia. Poco prima del giro di ricognizione si spegne la moto di Marcel Schrotter, che abbandona così la seconda posizione in griglia piazzandosi in ultima fila.

Al via Mattia Pasini scatta bene dalla pole position ma fin da subito deve fare spazio a Vierge, che difende i colori del team Dynavolt al posto di Schrotter. Parte benissimo Bagnaia che si ritrova addirittura tra i primi sei, ma fin dai primi passaggi si capisce che stavolta il torinese non ne ha per stare davanti; parte male invece Oliveira, che rimane inchiodato in 17a posizione.

Già al secondo giro c’è il ritiro del poleman Pasini all’Honda Hairpin, dopo essersi scomposto in accelerazione all’uscita della curva. E’ quindi Vierge al comando in lotta con Binder mentre dalle retrovie risale Baldassarri sorpassando proprio Bagnaia; il torinese continua a calare e al quarto giro è già sceso in nona piazza dietro al suo rivale titolato.

Mentre i due contendenti al titolo escono fuori dalla top ten, i rispettivi compagni di squadra lottano nel gruppetto di testa composto da otto piloti. Lecuona lo lascia poco dopo alla Southern Loop, andando largo e cadendo sull’erba. Anche senza lo spagnolo la lotta continua e ad accenderla sono specialmente Mir e Aegerter per il quarto posto. Al giro 15 Baldassarri va al comando, ma subisce la risposta di Vierge alla 4; dietro al gruppo di testa cade Gardner, un peccato per lui essendo davanti al suo pubblico.

Mentre anche Quartararo sorpassa la coppia Bagnaia-Oliveira, davanti i più attivi sono Vierge, Binder (che ha guidato in gran parte la corsa) e Baldassarri. Marini nel gruppo davanti è quello più al gancio, ma anche il sudafricano si dimostra al limite andando largo alla curva 4 perdendo tre posizioni. Da segnalare la splendida rimonta di Marcel Schrotter, già decimo, in parte rovinata da un lungo alla Doohan.

Nel gruppo di testa stupisce anche Fernandez che porta la seconda moto di Pons nelle primissime posizioni, ma davanti il #7 è ancora alle prese con Vierge con cui incrocia la traiettoria due volte in curva 4, per due giri consecutivi. Sembrerebbe la giusta occasione per ripetere il successo di Jerez, ma la sua Kalex si scompone allo scollinamento e lo fa andare largo sull’erba, facendolo cadere rovinosamente.

A due giri dalla fine è Binder a portarsi al comando e dietro di lui Mir si piazza secondo lasciando Vierge e Fernandez in una lotta feroce per il gradino più basso del podio. Il pilota KTM è bravissimo a non fare una sola sbavatura fino alla fine dell’ultimo giro, ma perde leggermente il posteriore alla penultima curva dando una chance al campione Moto3, che però non la coglie. Vierge in volata batte Fernandez con Marini quinto (dopo un lungo all’ultimo giro alla curva 4). Solo 11° Oliveira e 12° Bagnaia.

Nella classifica piloti sono 36 ora i punti di distacco tra il torinese e il portoghese (288 a 252), mentre Binder consolida sempre di più la sua terza posizione in campionato. Mir quinto davanti ad Álex Márquez di appena un punto.

Qui i risultati della gara e la classifica a due manche dalla fine.

Fonte immagine: motogp.com

Condividi

Nessun commento

Prendi parte alla discussione

I tuoi dati sono al sicuroIl tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Anche gli altri dati non verranno divulgati a terzi.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.