Moto2 | GP Argentina: seconda pole a Termas per Xavi Vierge

MOTO2
GP Argentina: seconda pole a Termas per Xavi Vierge

Per il secondo anno di fila il #97 partirà al palo. Appena dodici millesimi tra i primi tre di 30 Marzo 2019, 18:39

Dopo le qualifiche di Moto3 tremendamente condizionate dalle lunghe attese dei piloti, la Moto2 è riuscita a risvegliare l’interesse del pubblico argentino. A farlo più di tutti è stato Xavi Vierge, in pole position per la seconda volta in carriera e sempre a Termas de Rio Hondo, che si sta rivelando un luogo speciale per l’ex-pilota del team Dynavolt. Sarà affiancato in prima fila proprio dal suo ex-compagno di squadra, Marcel Schrotter, e da Sam Lowes. Il distacco tra i primi tre è quasi nullo: undici millesimi separano i due ex-compagni, e un ulteriore millesimo distanzia il tedesco dal pilota del team Gresini.

La Q1 è stata fortunata per noi italiani, con il passaggio di ben tre dei nostri portacolori alla sessione decisiva. Questi sono Simone Corsi, Enea Bastianini e Andrea Locatelli, accompagnati dall’olandese Bo Bendsneyder su una NTS che qui sembrerebbe essere più vicina alle concorrenti. Fuori invece Bezzecchi e Öttl per il team Tech3 (col tedesco addirittura 30°), così come le due moto del team Forward con Aegerter, 20° davanti a Bezzecchi, e Manzi, 23°.

Il turno è stato molto combattuto sin dai primi minuti, con i due del team Marc VDS fuori tra i primissimi per fare immediatamente il tempo. La battaglia per la pole position si è ristretta a circa cinque piloti, con Luthi, Schrotter, Lowes, Vierge e anche Remy Gardner, il quale però si è dimostrato velocissimo nei primi tre settori ma decisamente meno nel quarto. Si è assistito anche a tante perdite del posteriore tra le curve 9 e 10, specie per i piloti Kalex.

In seconda fila ci sarà la seconda moto Marc VDS di Álex Márquez, nella speranza che, come per il suo compagno, il giro singolo non sia l’unica cartuccia in canna. Insieme a lui lo svizzero Luthi e la prima moto non-Kalex, la KTM di Brad Binder. Brutti ricordi per il sudafricano qui, colpevole di un contatto con Navarro al secondo giro.

Dalla terza fila troveremo Gardner e due italiani, un Lorenzo Baldassarri che ha fatto fatica a segnare un crono utile a causa di più uscite dai limiti del tracciato, e Nicolò Bulega che ha fatto anche meglio del compagno Luca Marini, totalmente scomparso durante queste prove ufficiali. Il fratellastro di Valentino Rossi partirà addirittura 13°, con un distacco di sei decimi dalla vetta.

Qui i risultati del turno della Moto2 e la griglia di domani.

Fonte immagine: motogp.com

Condividi