MOTO2 Binder vince il GP di Germania davanti a Mir e Luca Marini. Bagnaia 12°

Prima vittoria in Moto2 per il pilota del team KTM. Sfortunato Pecco che recupera dal fondo. Fuori Pasini.
Moto2 | Binder vince il GP di Germania davanti a Mir e Luca Marini. Bagnaia 12°
di 15 luglio 2018, 13:16

Prima vittoria in Moto2 per Brad Binder, che vince il Gran Premio di Germania della classe di mezzo al Sachsenring davanti a Joan Mir (terzo podio per lui) ed a Luca Marini, che conquista il suo primo podio nella categoria.

Sfortunato Pecco Bagnaia: spinto fuori dalla caduta di Mattia Pasini nelle fasi iniziali, l’italiano deve recuperare dal fondo e termina dodicesimo.

Ecatombe di italiani: caduti appunto Pasini, Locatelli, Baldassarri e Manzi. Bagnaia resta con sette punti di vantaggio su Oliveira in classifica generale. 

CRONACA

Problema per Jules Danilo che resta fermo già nel giro di ricognizione

Partenza regolare con Marini davanti a Bagnaia e Pasini, con Marquez e Lowes a seguire. Bellissimo sorpasso doppio di Mir sul compagno Marquez e su Loews all’inizio del secondo giro. Lo spagnolo si porta in quarta piazza.

Colpo di scena alla fine del secondo giro con Pasini che va giù portando fuori pista Bagnaia, che rientra in fondo al gruppo. All’inizio del terzo giro ancora disastro per gli italiani con Baldassarri e Locatelli che cadono. Incredibile il recupero di Bagnaia che riesce a non cadere tra erba e ghiaia e rientra 27°.

Davanti Marini si ritrova da solo seguito come un’ombra da Mir, che gira velocissimo e si porta in prima posizione all’inizio del quinto passaggio. In terza posizione si è portato Brad Binder su Lowes, Schrotter e Marquez. Bagnaia è risalito in 23a posizione. Scintille, intanto, tra Oliveira e Marquez con il pilota del team KTM che si prende di forza la sesta posizione.

Ecatombe per gli italiani: dopo Pasini, Locatelli e Baldassarri anche Manzi è a terra. Bagnaia è 21° mentre Marini regge il ritmo di Mir. A venti dal termine anche Kent abbandona la gara mentre Fenati sprofonda in 22a posizione dopo essere stato a margine della top ten.

A 19 giri dal termine Binder porta l’attacco su Marini e si porta in seconda posizione. Bagnaia è risalito in 17a posizione. Binder concede il bis all’interno dello stesso giro e passa anche Mir portandosi in testa alla gara.

A 14 dal termine Binder comanda su Mir e Marini, con Schrotter ed Oliveira che seguono a breve distanza. Bagnaia è 15° e sta cercando di raggiungere Aegerter, fanalino di coda di un bel gruppetto di piloti. Un giro dopo Marini porta l’attacco leggermente lungo su Mir ma riesce a prendersi la seconda posizione mentre Binder sembra allungare leggermente.

Ad undici giri dal termine doppio sorpasso nelle posizioni di testa: Oliveira passa Schrotter per la quarta posizione, Mir invece riprende la seconda su Marini. Da qui le prime posizioni di sgranano, con Oliveira che inizia la rimonta su Marini.

A sette dalla fine Bagnaia ha ripreso Aegerter ed ha l’ultima parte di gara per recuperare posizioni in ottica classifica. In un passaggio guadagna due posizioni, su Aegerter appunto e su Fernandez che rallenta per un problema alla sua moto.

Le prime quattro posizioni sono delineate a quattro giri dal termine con Binder che comanda su Mir, Marini ed Oliveira. Mir tenta l’avvicinamento sul capoclassifica mentre Oliveira tenta l’assalto al podio. Passano un paio di giri ed Oliveira sembra mollare mentre Marini si fa sotto su Mir.

Finisce con Brad Binder che vince davanti Joan Mir ed a Luca Marini. Seguono Lowes, Schrotter, Vierge, Corsi, Navarro e Quartararo. Bagnaia passa Marquez al termine del giro per la dodicesima posizione.

Questo il risultato di gara. In classifica generale Bagnaia comanda con 148 punti su Oliveira (141) e Marquez (113).

Immagine: Twitter/Team KTM

Condividi

Nessun commento

Prendi parte alla discussione

I tuoi dati sono al sicuroIl tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Anche gli altri dati non verranno divulgati a terzi.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.