Mercato piloti 2014: il punto della situazione

Mercato piloti 2014: il punto della situazione
di 04 ottobre 2013, 09:00

Con Sebastian Vettel ormai lanciato verso la vittoria del mondiale piloti 2013 e la Red Bull verso quello costruttori, gran parte delle risorse di ogni team sono già destinate alla prossima stagione. Questa è la situazione, squadra per squadra, che concerne il mercato piloti.

In casa Red Bull la novità è Daniel Ricciardo, giovane pilota australiano frutto del lavoro di ricerca di giovani talenti di Helmut Marko. Dopo tre stagioni in Toro Rosso e Hrt, i vertici Red Bull hanno ritenuto giusto offrire a lui la possibilità di guidare la vettura campione del mondo, permettendogli così di vincere la sfida interna con il francese Vergne. Al suo fianco, invece, è confermatissimo Sebastian Vettel, a breve quattro volte campione del mondo, mentre Mark Webber saluta la Formula 1 dopo dodici anni.

La Ferrari si presenterà al via della prossima stagione con la coppia di piloti più forte di tutta la griglia: Fernando Alonso e Kimi Raikkonen lasciano pochi dubbi a questo riguardo. Lo spagnolo è ancora sotto contratto con il team di Maranello, mentre il finlandese ha vinto la concorrenza di Hülkenberg, e ovviamente quella di Massa, che saluta così la scuderia.

La McLaren è sicura di Jenson Button e un po’ meno di Sergio Perez. Se, infatti, la riconferma dell’inglese campione del mondo 2009 dovrebbe essere certa, la posizione di Perez non appare, ad oggi, del tutto solida, a causa di uno scalpitante Nico Hülkenberg, che, dopo essere stato “scaricato” dalla Ferrari e con le quotazioni in ribasso in Lotus, potrebbe trovare a Woking la “casa” giusta per dimostrare il proprio talento. Per quanto possa essere remota, non bisogna neppure dimenticare la possibilità di vedere Massa in McLaren.

La situazione più chiara dovrebbe essere in casa Mercedes. Lewis Hamilton e Nico Rosberg, infatti, non dovrebbero essere messi in discussione, tanto più che hanno ancora un contratto valido per la prossima stagione.

Se la Mercedes non dovrebbe influire sul mercato piloti, la Lotus ne è, ad oggi, il perno. Con l’addio di Raikkonen, infatti, si è subito aperta una rosa di piloti infinta pronta a prendere il posto del finlandese: da Nico Hülkenberg a Felipe Massa, da Pastor Maldonado a Davide Valsecchi, passando per Felipe Nasr, Jerome d’Ambrosio e Nicolas Prost. In realtà i favoriti sono i primi due: se Hülkenberg è il giovane pilota veloce, Massa è il driver esperto e navigato in grado di fornire un adeguato supporto tecnico al team. Dall’altra parte, invece, dovrebbe essere quasi sicuro di una riconferma Romain Grosjean.

In Sauber dovrebbe essere ormai cosa fatta (manca solo la superlicenza) per Sergey Sirotkin, il giovane russo, attualmente impegnato in Formula Renault 3.5, che ha ottenuto il posto grazie alla nuova cordata russa intervenuta per saldare i numerosi debiti del team elvetico. Dovrebbe essere certo, anche se Monisha Kaltenborn tiene aperte tutte le porte, anche l’addio di Hülkenberg, profondamente deluso da una vettura al di sotto delle aspettative. Il secondo volante, dunque, dovrebbe essere campo di battaglia per Esteban Gutierrez, ancora in cerca di risultati soddisfacenti, e Felipe Massa, nonostante il brasiliano abbia dichiarato di volere, per l’anno prossimo, una vettura in grado portarlo alla vittoria.
Da segnalare che i media brasiliani hanno ipotizzato un clamoroso ritorno di Rubens Barrichello.

La Force India, come già negli ultimi anni, aspetterà la fine della stagione per annunciare i piloti dell'anno prossimo. Adrian Sutil e Paul di Resta, tuttavia, hanno buone possibilità di essere confermati, anche se dovranno guardarsi da un eventuale ritorno di Nico Hülkenberg, dal nuovo terzo pilota James Calado e dal giovane Kevin Magnussen.

La Toro Rosso, orfana di Ricciardo, dovrebbe continuare con Vergne, a meno di colpi di scena come due anni fa, quando Algersuari e Buemi furono liquidati senza tanti complimenti. Il sedile di Ricciardo andrà con ogni probabilità nelle mani di Antonio Felix da Costa, ritenuto più maturo degli altri giovani Red Bull, come Daniil kyat e Carlos Sainz jr., che peraltro non hanno ancora mostrato particolare interesse per questo volante.

Anche la Williams, come la Mercedes, dovrebbe evitare grossi scossoni, riconfermando Valtteri Bottas e Pastor Maldonado, sebbene il sudamericano sia in cerca di un sedile più competitivo.

In Caterham si prepara una sfida a tre: Charles Pic, ingaggiato ha inizio stagione, ha ancora un ipotetico anno di contratto, Giedo van der Garde può contare su solide sponsorizzazioni e sui buoni risultati ottenuti fino ad ora nella seconda parte di stagione, e Heikki Kovalainen, privo di dote ma molto stimato all’interno della squadra grazie all’apporto tecnico portato durante questa stagione in qualità di terzo pilota.

La Marussia, infine, continuerà con Jules Bianchi mentre per il secondo sedile i giochi sono ancora aperti; non è in dubbio, infatti, che le prestazioni di Max Chilton non abbiamo convito i vertici del team, quindi il britannico potrebbe salutare la Formula 1 dopo una sola stagione. Al suo posto quasi sicuramente un pilota pagante, anche se in questi giorni sta avanzando l’ipotesi di vedere Kevin Magnussen, giovane pilota del programma McLaren, “parcheggiato” in un team minore prima del grande salto in un top team.

Clicca qui per seguire la discussione sul forum

Condividi

Nessun commento

Prendi parte alla discussione

I tuoi dati sono al sicuroIl tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Anche gli altri dati non verranno divulgati a terzi.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.