Marko:

Marko: "A Montecarlo Verstappen ha mostrato il suo potenziale"

di 28 Maggio 2015, 23:10

Non si può dire che la sua prima esperienza al Gran Premio di Monaco si sia conclusa nel migliore dei modi, ma nello scorso weekend Max Verstappen ha comunque ben impressionato molti addetti ai lavori; tra questi c'è Helmut Marko, l'uomo che lo ha fortemente voluto al volante della Toro Rosso in questa stagione. L'errore alla frenata di Sainte Devote che l'ha escluso dalla gara non ha condizionato il giudizio del capo del programma giovani Red Bull, secondo il quale il giovane olandese ha brillato dal primo all'ultimo giorno del weekend.

"Max è stato fantastico, purtroppo in gara ha avuto un pit stop molto lungo" ha detto Marko ai microfoni di motorsport.com, lamentandosi della sosta che ha condizionato la gara di Verstappen facendolo sprofondare nelle retrovie. "È stato bravo a rimanere in scia della Ferrari di Vettel per sorpassare Bottas, lì si è visto tutto il suo potenziale. Riguardo all'incidente, direi che è stato un normale contatto di gara in cui anche Romain [Grosjean] ha avuto delle responsabilità, visto che ha cambiato traiettoria quando si è accorto che Max era vicino a lui".

Marko ha lodato anche il lavoro compiuto dal team Red Bull e dai suoi due piloti, che a Montecarlo hanno fatto registrare quello che per ora è il miglior risultato stagionale della squadra anglo-austriaca: Daniil Kvyat ha chiuso il Gran Premio al quarto posto, Daniel Ricciardo al quinto, dopo aver restituito negli ultimi metri di gara la quarta posizione al compagno, che l'aveva fatto passare nella speranza che riuscisse a scavalcare Hamilton.

Proprio questo gioco di squadra tra Kvyat e Ricciardo è stato ben visto da Marko: "Entrambi i piloti hanno corso molto bene. C'è stata una buona cooperazione, con Kvyat che ha fatto passare Ricciardo e con quest'ultimo che gli ha restituito la posizione quando ha capito di non poter guadagnare altre posizioni; penso che se ci fossero stati altri due giri Ricciardo avrebbe avuto la possibilità di attaccare Hamilton. Per la prima volta Kvyat non ha avuto alcun tipo di problema e infatti qui ha messo in mostra ciò che sa fare" ha concluso l'ex pilota austriaco.

Condividi